Ken Paisli – Recensione: Axl – La biografia del leader dei Guns N’ Roses

W. Axl Rose come tutti sanno è il leader dei famigerati Guns N’ Roses. Da sempre considerato un personaggio controverso, folle e carismatico, è sia amato che  odiato da milioni di persone in tutto il mondo, ma sicuramente non ignorato. Con il suo gruppo e soprattutto con le sue canzoni è riuscito a raggiungere un bacino d’utenza enorme e a conseguire risultati impensati per il giovane ribelle nato a Lafayette nell’Indiana il 2 febbraio del 1962. Grazie a “Axl – La Biografia del Leader dei Guns N’ Roses”, biografia non autorizzata, aggiornata al 2022 a cura dello scrittore neozelandese Ken Paisli, ripercorriamo la vita e la carriera di uno dei più grandi frontman di tutti i tempi. In questa nuova edizione che consta in più di trecento pagine viene illustrata la vita del cantante e della sua band narrata dalla voce dei protagonisti. Paisli fa un lavoro di ricerca enorme consultando minuziosamente dieci libri e oltre cinquecento interviste e dichiarazioni che vanno dal 1986 al 2021 per fornire uno spaccato autentico e dettagliato sulla vita di Rose. L’autore volutamente omette di scrivere le sue impressioni e non fornisce mai un parere personale rimanendo neutrale attenendosi ai fatti e questa è una cosa positiva e che lascia una libera interpretazione al lettore.

Il libro racconta in modo esaustivo dell’infanzia travagliata di Rose, dal rapporto conflittuale con il violento e severo patrigno, Stephen Bailey, un pastore pentecostale ossessionato dalla disciplina e dalle regole che lo segnerà in modo indelebile condizionando anche il suo rapporto con il genere femminile con un’idea distorta sulla sessualità e l’altro sesso, fino alla scoperta a diciassette anni dell’esistenza del suo vero padre biologico e in seguito degli abusi sessuali subiti a due anni, riemersi grazie alla regressione ipnotica in età adulta. Fondamentale anche l’incontro con Izzy Stradlin che segue a Los Angeles dopo svariati tentativi lasciandosi alle spalle la bigotta Lafayette e con cui condivide una smisurata passione per la musica. Ampio spazio, come è giusto che sia è dedicato alla storia della nascita dei  Guns N’ Roses il tutto raccontato senza filtri ed in modo dettagliato, fino ad arrivare al successo planetario che lentamente porta alla rottura dei rapporti personali all’interno della band, sia a causa degli abusi di sostanze di cui ormai quasi tutto il gruppo è dipendente, ad eccezione di Axl, sia a causa della sua mania sempre più ossessiva di controllare ogni aspetto inerente le pistole e le rose, fino a provocare la dipartita ad uno ad uno dei membri fondatori.

In questa biografia si parla anche dell’interminabile gestazione di “Chinese Democracy”, album in cui della formazione originale è rimasto solo il frontman e il fido Dizzy Reed, tastierista e amico leale dai tempi dei due Illusions e che è sempre una costante nella vita di Rose, dei vari cambi di line-up fino all’uscita di uno dei dischi più attesi e rimandati della storia il 23 novembre del 2008. Ovviamente largo spazio è ampiamente dedicato anche alla reunion, miraggio atteso da milioni di fan e impensabile fino a qualche anno prima, infatti anche l’autore, scettico al riguardo si sarebbe giocato sia la casa che la sua preziosa tavola da surf pensando che mai avrebbe avuto luogo. Ma grazie all’intermediazione di McKagan che nel 2010 prende parte come special guest allo show londinese dei Guns N’ Roses cantando su alcuni pezzi e l’anno dopo con i suoi Loaded li supporta durante le date a Seattle e Vancouver, Axl e Slash riallacciano i rapporti mettendo da parte l’ascia di guerra fino alla fatidica reunion annunciata con i due show al prestigioso Coachella Festival nel 2016. Reunion dei tre quinti della formazione originale, senza Adler e Stradlin, il primo presumibilmente non in grado di affrontare un tour estensivo a causa dei suoi problemi di salute e delle sue dipendenze, anche se fa qualche comparsata in alcuni show, il secondo non accetta per meri motivi economici, perché a suo dire Axl, Slash e Duff non volevano ripartire i compensi in maniera equa.

Sta di fatto che il “Not in this lifetime” tour è un enorme successo e riporta il nome della band sulla bocca di tutti, così come la voglia di sentire del materiale inedito da parte dei tre membri originali. Il gruppo rilascia prima la “nuova” “Absurd”, composizione uscita dalle sezioni infinite di “Chinese Democracy” e nota con il titolo di “Silkworms” e poi “Hard Skool”, più in linea con lo spirito originario del gruppo, entrambe risuonate per l’occasione da Slash e Duff. Nei Guns N’ Roses ora regna l’armonia e i problemi insormontabili che ne hanno decretato la separazione per lunghi anni fanno parte del passato, merito anche di una maggiore comunicazione tra i vari componenti e soprattutto un acquisito equilibrio e maturità da parte del frontman che finalmente è riuscito a domare i demoni che lo hanno tormentato per lunghi anni. Ormai i tempi in cui Axl saltava nelle prime file per litigare con i malcapitati di turno sono passati e anche gli enormi ritardi prima di salire sul palco, ora abbiamo un Axl molto professionale ed equilibrato, sempre perfezionista in modo quasi maniacale, ma va bene così, lo amiamo anche per questo. Questa accurata biografia in sostanza racconta la vita, gli eccessi e anche le fragilità ed insicurezze del frontman dei Guns N’ Roses e lo fa in modo onesto e senza peli sulla lingua, lasciando libertà di interpretazione al lettore e per questo è consigliata a tutti, sia agli estimatori della band di lunga data, ma anche ai nuovi fan che vogliono informarsi sulla vita di uno dei frontman più carismatici e controversi di tutti i tempi.

Etichetta: Il Castello/Chinaski Edizioni




eva.cociani

view all posts

Amo la musica a 360 gradi, non mi piace avere etichette addosso, le trovo limitanti e antiquate, prediligo lo street, il glam e anche il goth, ma non disdegno nulla basta che provochi emozioni. Ossessionata dalle serie tv, dalla fotografia, dai viaggi e dai live show mi identifico con il motto: “Live the life to the fullest”.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi