Protector – Recensione: Cursed And Coronated

A trent’anni dalla fondazione, i thrash metallers tedeschi, Protector, tornano con il loro sesto album effettivo (senza contare le decine di demo, EP, compilation e split rilasciati); album, “Cursed And Coronated”, nel quale come sempre i Protector se ne fregano di sperimentare o creare qualcosa di variegato; loro sono fedeli servitori del thrash metal old school al quale, al massimo, si permettono di aggiungere qualche sfumatura death metal, ma niente di più morbido o variegato.

L’album ha inizio con un intro oscuro, sinistro (trito e ritrito) e volutamente ripetitivo per poi cedere il posto al tripudio di violenza che ci attanaglia già da “Xenophobia”, forse uno dei brani meglio riusciti del disco in quanto risulta il più orecchiabile; purtroppo tutto ciò non dura a lungo e, per ritrovare un risveglio interiore, bisogna poi correre fino a “Terra Mater” dove la velocità regna sovrana.
A concludere, il pezzo forte dell’album, sono i tre brani “Misanthropy”, “Hacked Sliced And Grinded” e “Protector Of Death” registrati live a Dresden nel 2013 e che suonano veramente bene!

Nel complesso il riffing rimane semplice, d’effetto e dal sound moderno, accompagnato da una linea di basso molto standard e voci più dure e brutali possibile; passando per il songwriting, le differenze con il predecessore “Reanimated Homunculus” (2013) sono pressochè inesistenti se non per alcune tematiche precise come i problemi sociali in “Xenophobia” e sulla guerra finlandese in “Crosses In Carelia”.

Poco da dire sui Protector, o piacciono o non piacciono; come proclamano nel brano “To Serve And Protect”, loro sono i protettori del thrash metal, nulla di innovativo, nulla fuori dagli schemi, solo duro e fottutissimo thrash!

Protector-Cover

Voto recensore
5
Etichetta: High Roller Records

Anno: 2016

Tracklist: 1. Intro 2. Xenophobia 3. Selfdesdrugtion 4. Crosses in Carelia 5. Cursed and Coronated 6. Six Hours On the Cross 7. Base 104 8. The Dimholt 9. To Serve and Protect 10. Terra Mater 11. The Old Boil 12. Intro / Misanthropy (Live Dresden 2013) 13. Sliced, Hacked And Grinded (Live Dresden 2013) 14. Protector Of Death (Live Dresden 2013)

Luca Balloriani

view all posts

Old School metaller, amante della birra, della birra e della b… della musica! Nato con il thrash ed evoluto (o regredito) al technical death e black; a rigor di logica, da anziano, mi ritroverò ad ascoltare il motopicco in cantiere. La mia vita si districa tra musica, informatica e fotografia/video editing a tempo perso.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login