Burst – Recensione: Prey On Life

Un debutto e un mini interlocutorio. Questo il brillante passato degli svedesi Burst, giunti alla preghiera ed alla definitiva affermazione. ‘Prey On Life’ è uno dei dischi che accendono gli allarmi nel suo cuneo fra metal e hardcore, affiancandosi alle espressioni che più rappresentano un moderno concetto di musica pe(n)sante. ‘In Coveting Ways’ ha offerto un pregevole spunto per lo sviluppo del secondo album completo della band, riportando le medesime coordinate e riuscendo ad andare oltre, a focalizzare meglio un flusso di coscienza che strappa, accende, si calma e diventa fluido incandescente. ‘Rain’ è probabilmente una delle “canzoni” che meglio rappresentano non soltanto lo stato di grazia di una band emergente ma qualcosa che getta ponti apparentemente improbabili fra urgenza e riflessione.

Involontariamente, questo è un disco dedicato a tutti coloro che sino ad oggi hanno tacciato un intero movimento come “spocchioso” e “intellettuale” che annovera tra le sue fila gli esponenti del post-qualcosa americano, di metal in senso vero e proprio, di una affiliazione ai Neurosis assolutamente non celata e di una oscurità di fondo che garantisce pesantezza senza opprimere nessuna delle composizioni. Un disco fondamentalmente onesto ed accessibile che getta luce con le note di ‘The Foe Sublime’ là dove la superficialità sembrava voler attecchire. Addirittura le atmosfere di ‘Fourth Sun’ possono entrare a far parte del progressivo (o anche qui si inventeranno un post-prog?), così come le linee di ‘Crystal Asounder’ rimangono patrimonio di inestimabile valore.

Un lavoro maiuscolo sotto ogni punto di vista, per una band che si candida a diventare una delle sorprese più interessanti di un panorama che non ha alcuna intenzione di chiudersi su se stesso. Con buona pace dei detrattori. Semplicemente un convitto di amici con Burst, Cult Of Luna ed Isis.

Ciascuno con le proprie caratteristiche peculiari, tutti con dei grandissimi dischi in giro.

Voto recensore
8
Etichetta: Relapse / Self

Anno: 2003

Tracklist:

01. Undoing (Prey On Life)

02. Iris

03. Sculpt The Lives

04. Rain

05. The Foe Sublime

06. Fourth Sun

07. Crystal Asunder

08. Vortex

09. Monument

10. Visionary

11. Epidemic


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login