Nucleus Torn – Recensione: Neon Light Eternal

I Nucleus Torn del multistrumentista Fredy Schnyder tornano sul mercato discografico con “Neon Light Eternal” tagliando il traguardo del sesto album in studio. Come anticipato dalla band in occasione del precedente “Street Lights Fail”, uscito soltanto un anno fa, “Neon Light Eternal” è il disco speculare e gemello a completamento di un capitolo di musica elegante e ricercata.

Simile nella struttura e nelle sensazioni suggerite dai pezzi, anche il nuovo album si snoda lungo tre suite di lunga durata dove il buon Fredy lascia confluire tutti gli aspetti della sua musica, coadiuvato ancora una volta dalla sublime vocalist Anna Murphy (Eluveitie, Lethe) e dal drummer Alain Ackermann.

E’ interessante notare come, appunto perchè album speculare, “Neon Light Eternal” segua a ritroso la tracklist di “Street Lights Fail”, ricalcando le atmosfere e la forma-canzone di ogni singolo episodio. Quindi “A Declaration Of Mistrust” riprende dove idalmente terminava il disco precedente ed apre con una inquietante base ambient che ricorda alcune cose di Tori Amos, a cominciare dall’interpretazione, subito intensa, della vocalist. Il brano evolve in un caleidoscopio di suoni dove rientrano ritrovati classici ed eleganti echi crimsoniani, in particolare nella parte centrale del pezzo, affidata a voce, flauto e piano.

Nei suoi ventidue minuti di durata il pezzo riesce ad essere piuttosto scorrevole nonostante il suo corpus lento e melodico, con alcuni irrobustimenti in chiave metal a fungere da contorno. Un groove nettamente più metallico è invece proposto da “Nothing Between You And Death”, canzone veloce, nervosa, con chitarre pesanti e distorte, voce effettata e una sezione ritmica poderosa. La conclusiva “Street Lights Fail” cita il predecessore e ne recupera le necessità sperimentali tra suoni elettronici e di estrazione classica, lasciando che ancora una volta salga sugli scudi la voce bluesy e onirica di Anna.

Ricco di sfaccettature ma non indigeribile, “Neon Light Eternal” non deluderà chi già conosce l’ensemble svizzero e saprà incuriosire chi segue il progressive e la sperimentazione sonora.

Voto recensore
7
Etichetta: Prophecy Production

Anno: 2015

Tracklist:

01. A Declaration Of Mistrust
02. Nothing Between You And Death
03. Street Lights Fail


Sito Web: http://www.nucleustorn.ch/

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login