Dispatched – Recensione: Motherwar

Non è facile per una band coniugare metal classico e death metal senza che il risultato sia eccessivamente forzato o pacchiano. In pochi ci sono riusciti, basta pensare ad esempio agli In Flames che, a parte certe ultime uscite decisamente sottotono, hanno saputo raggiungere risultati più che apprezzabili in questo campo. Ed è proprio agli In Flames che si ispirano gli svedesi Dispatched: ‘Motherwar’, il loro primo full-lenght, si rifà decisamente alle sonorità di album come ‘Whoracle’ o ‘The Jester Race’, specie per quello che riguarda le melodie delle chitarre e gli arrangiamenti. In ogni caso, anche se l’originalità non risiede da queste parti non si può certo negare che la band possieda della stoffa e sia in grado di comporre pezzi interessanti e piacevoli: è il caso ad esempio di ‘To Sleep You Go’, ‘Silver Waves’ o ‘Dispatched’ che pur non essendo dei capolavori sono in grado di catturare l’attenzione dell’ ascoltatore dopo ripetuti ascolti. Non è tutto rosa e fiori, anzi… certe volte è addirittura distinguere un brano dall’altro e in alcuni casi la band sembra fare il passo più lungo della gamba… la title track con gli inserti tratti da Mozart e la cover di ‘The Final Countdown’ sono veramente troppo pretenziose e grossolane, al livello dei peggiori gruppi power teutonici, sembrano una versione metal dei canti popolari dell’Oktoberfest (con tutto il rispetto per l’Oktoberfest e Onkel Tom Angelripper, ovviamente!!). I risultati migliori i Dispatched li raggiungono quando non cercano di indovinare a tutti i costi la melodia accattivante ed orecchiabile, ma si concentrano di più sulla struttura e sugli arrangiamenti dei singoli pezzi. In definitiva, metà delle composizioni è decisamente interessante, per l’altra metà non si può dire altrettanto. Consigliato solo agli aficionados del genere.

Voto recensore
5
Etichetta: Music For Nations/Audioglobe

Anno: 2000

Tracklist: Tracklist: Intro / Motherwar / To Sleep You Go / She’s Lost / Down / Templar / The Final Countdown / Silver Waves / Dispatched

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login