Mayhem – Recensione: Atavistic Black Disorder / Kommando

Con il loro ritorno i Mayhem presentano il nuovo EP intitolato “Atavistic Black Disorder / Kommando”. Questa nuova fatica è suddivisa in due parti: la prima contenente tre brani esclusi dall’ultimo album in studio, ovvero “Daemon”, e la seconda contenente quattro cover di band che sono state, a detta del gruppo norvegese, importanti e di grande ispirazione in tutti questi anni. Le cover in questione sono “In Defense Of Our Future” dei Discharge, “Hellnation” dei Dead Kennedys, “Only Death” dei Rudimentary Peni e “Commando” dei Ramones. Tutti e quattro brani Punk, dunque, chiaramente rivisitati in stile Mayhem. L’artwork dell’EP è stato curato ancora una volta dall’eccelso artista italiano Daniele Valeriani.

I primi tre brani, contenuti nel Side A dell’EP, “Voces Ab Alta”, “Black Glass Communion” e “Everlasting Dying Flame” rimandano ovviamente al precedente full-length rilasciato nel 2019. Il sound è quello oscuro e solenne tipico dei Mayhem, caratterizzato dallo scream spaventoso di Attila, una batteria martellante e chitarre graffianti. Particolarmente suggestivi i cori lirici e cupi che donano un tocco gotico e infernale all’atmosfera.

Le cover, contenute nel Side B dell’EP, si rivelano ben fatte e divertenti da ascoltare. “In Defense Of Our Future”, ad esempio, presenta un Hardcore Punk ancora più spinto, più “Heavy” nel sound e con la voce di Billy Messiah, grandissimo ritorno, che ne rappresenta la vera peculiarità. Un altro grande ritorno è quello di Maniac, ospite nella cover di “Hellnation” dei Dead Kennedys, rapida e vigorosa.

Un EP assai curioso, “Atavistic Black Disorder / Kommando”, sicuramente arricchito dalle inaspettate cover di cui abbiamo appena parlato.

Etichetta: Century Media Records

Anno: 2021

Tracklist: 01. Voces Ab Alta 02. Black Glass Communion 03. Everlasting Dying Flame 04. In Defense Of Our Future – Cover Version 05. Hellnation – Cover Version 06. Only Death – Cover Version 07. Commando – Cover Version

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login