Belphegor – Recensione: Lucifer Incestus

Il nuovo album degli austriaci Belphegor si può sintetizzare in un black/death metal lineare e scontato con testi porno/blasfemo/deliranti, condito da grugniti e vocine simulanti amplessi sparse qua e là. La produzione è ottima, ma il resto è da dimenticare. Se fossero usciti quindici anni fa avrebbero anche potuto destare un po’ di interesse, ma al giorno d’oggi proprio no. Certe cose riescono molto meglio agli Impaled Nazarene, che sono anche più simpatici.

Voto recensore
4
Etichetta: Napalm Rcs. / Audioglobe

Anno: 2003

Tracklist:

01.Intro: Inflamate Christianos
02.The Goatchrist
03.Diaboli Birtus In Lumbar Est
04.Demonic Staccato Erection
05.Paradise Regained
06.Fukk The Blood Of Christ
07.Lucifer Incestus
08.The Sin-Hellfucked
09.Fleischrequiem 69 / Outro


andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login