The Tangent – Recensione: Le Sacre Du Travail

Album musicalmente ricco di momenti interessanti “Le Sacre Du Travail” è l’ennesimo esperimento di Andy Tillison che sembra ormai aver deciso di far cambiare pelle alla sua creatura ad ogni nuova uscita discografica.

Il problema dei Tangent risiede proprio nel fatto che il loro leader/padrone in un delirio di onnipotenza si occupa anche delle parti vocali confermandosi ancora una volta un pessimo singer; basterebbe che il nostro si concentrasse sull’esecuzione alle sue funamboliche tastiere e lasciasse spazio all’ospite di turno (in questo caso David Longdon dei Big Big Train) per ottenere un risultato decisamente migliore. Il lavoro in questione è ancora una volta l’apoteosi del tributo al progressive degli anni ’70 (“Afternoon Malaise” su tutte) questa volta messa in scena da musicisti d’élite e non da una vera e propria band; i musicisti in questione sono davvero di altissimo livello, ossia Gavin Harrison, Jonas Reingold, Theo Travis e Jakko M. Jakszyk e danno libero sfoggio di tecnica e conoscenza musicale sulle composizioni di Tillison che questa volta più di altre hanno una connessione diretta alla musica classica (il sottotitolo del CD è non a caso “An Electric Sinfonia…”) nella vena di artisti come i Camel o il compianto Jon Lord.

Non mancano cenni blues e jazz per quello che di fatto è il primo concept album realizzato da Tillison che dichiara di fare particolare riferimento alla prima ondata del proto-progressive di fine anni ’60 sulla scia di compositori come Roger Waters o i Moody Blues.

Ancora di più che in passato un lavoro di nicchia destinato ai follower più affezionati.

 

Voto recensore
6,5
Etichetta: Inside Out / EMI

Anno: 2013

Tracklist:

01. 1st Movement – Coming Up On The Hour

02. 2nd Movement – Morning Journey & The Arrival

03. 3rd Movement – Afternoon Malaise

04. 4th Movement – A Voyage Through Rush Hour

05. 5th Movement – Evening TV

06. Muffled Epiphany

07. Hat (Live At Mexborough School 1979)

08. Evening TV (Radio Edit)


Sito Web: http://www.thetangent.org

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login