Maybeshewill – Recensione: I Was Here For A Moment, Then I Was Gone

Giunge già al terzo full length (più una numerosa serie di EP) questo interessante quartetto del Leicestershire che sin dagli esordi ha deciso di concentrarsi su una proposta interamente strumentale perennemente in bilico fra slanci elettronici (alla 65daysofstatic) ed un post rock soffuso (vedi i numerosi arrangiamenti di piano/tastiere) ma anche irruento (l’attacco di “Accolades”) quando le dinamiche lo richiedono.

“I Was Here For A Moment, Then I Was Gone” segue gli ottimi “Not For Want Of Trying” e “Sing The Word Hope In Four-Part Harmony” e collocandosi sulla scia di band come Long Distance Calling e God Is An Astronaut per la capacità di rapire metaforicamente l’ascoltatore e trasportarlo in una dimensione ovattata, da sogno, nella quale sembra davvero possibile staccare la spina dalla realtà quotidiana e librarsi verso lidi paradisiaci; non credano che abbiamo perso qualche rotella i molti metallari duri e puri alla lettura, che potranno anche non essere interessati a cogliere i benefici di tanta grazia compositiva ma dopo questo ascolto siamo ancora più convinti che ognuno è davvero libero di rilassarsi come crede.

Ovviamente non tutte le tracce riescono a tener viva l’attenzione al 100% ma questo è tipico dei lavori strumentali che sono spesso giocati su saliscendi emotivi (preparazione, innalzamento, climax e discesa) proprio per ottenere un risultato migliore. Se può bastare, per quanto ci riguarda, una grandissima band!

Voto recensore
7,5
Etichetta: Function / Import

Anno: 2011

Tracklist:

01. Opening

02. Take This To Heart

03. Red Paper Lanterns

04. Critical Distance

05. Accolades

06. An End To Camaraderie

07. Words For Arabella

08. Farewell Sarajevo

09. Relative Minors

10. To The Skies From A Hillside


Sito Web: http://maybeshewill.net/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login