Michael Thompson Band – Recensione: How Long

Preziosa ristampa – arricchita con tre bonus track – dell’unico lavoro della Michael Thompson Band, proprio quando il chitarrista – un passato costellato di collaborazioni con i più grandi della musica – è tornato in campo con tutta la propria classe per il progetto TRW. ‘How Long’ è un lavoro perfettamente in bilico tra pop e rock, forte – tanto per capirsi – di una lezione che in quegli anni aveva i maestri indiscussi nei Toto.

La voce di Moon Calhoun, la partecipazione di nomi del calibro di Terry Bozzio, Pat Torpey, Bobby Kimball e John Elefante ne fanno un album imperdibile per tutti gli amanti di AOR et similia. Pur in un genere che facilmente non viene tenuto nella dovuta considerazione per la propria levatura squisitamente musicale, sono proprio l’eleganza e il gusto degli arrangiamenti di Michael Thompson a rendere ‘How Long’ veramente unico. Siamo lontani dai chorus di facile presa, siamo lontani dalla saturazione di tastiere, qui è giocato tutto in punta di piedi, e proprio per questo motivo sono i pezzi più chiaramente influenzati dalla vena pop a lasciare il segno più degli altri: accade così, tanto per fare un unico esempio, nella magica ‘Give Love A Chance’, chiusa da un assolo che scuote l’anima nell’intimo, scandagliando gli abissi più profondi del sentimento. Ma è quasi un crimine circoscrivere a pochi episodi quello che è un gioiello in tutte le sue molteplici sfaccettature. In ‘How Long’ è davvero tutto a funzionare: una produzione immacolata, un songwriting così ricco di gusto e così lontano dall’aggettivo "commerciale" che spesso viene affrettatamente accostato all’AOR degli anni d’oro, e poi tanta passione ed emozione. Oltre ad un fondamentale equilibrio tra tutte le componenti (songwriting, produzione, esecuzione), che ben completa il gusto di cui è pregno questo album.

Un breve sguardo alle tre bonus track: dopo la non trascendentele ‘Right To Be Wrong’, arrivano le convincenti melodie zuccherose di ‘I Can’t Let Go’ e la discreta ‘Wheelchair’. Niente, comunque, che sposti di una virgola il valore assoluto di ‘How Long’.

C’è poco altro da aggiungere, se non l’invito a far proprio questo classico assoluto, per rendersi conto del senso di un’espressione come "classe cristallina".

Etichetta: Frontiers

Anno: 1989

Tracklist: 01. Secret Information
02. Give Love A Chance
03. 1000 Nights
04. Wasteland
05. Never Stop Falling
06. Can't Miss
07. Gloria
08. Stranger
09. Baby Come Back
10. How Long
11. Right To Be Wrong (Bonus Track)
12. I Can't Let Go (Bonus Track)
13. Wheelchair (Bonus Track)

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login