Ministry – Recensione: Houses Of The Molé

Il disco perfetto da suonare a Bush quando perderà le presidenziali di novembre.

Luca Signorelli non avrebbe mai immaginato che questa frase, con cui chiudeva la recensione di ‘Salutations From The Ghetto Nation’ dei Warrior Soul, sarebbe tornata buona a dodici anni di distanza.

I Warrior Soul non ci sono più, Bush Senior ha lasciato il posto al Fido Junior, ma la rabbia per un Governo che porta il Paese ovunque, tranne dove sarebbe giusto andare, è rimasta la stessa.

Questa volta il grido di protesta arriva da Al Jourgensen, mente e mentore dei Ministry, orfano per la prima volta del braccio destro di sempre, l’amico Paul Barker. Un’uscita di scena che, invece di demotivare, finisce per dare nuovi stimoli allo stesso Jourgensen, capace di inanellare, come non gli capitava da tempo, una serie di song da tramandare ai posteri.

“Una specie di Psalm 70”: così Al descrive l’ultimo parto della sua mente. E se si prestasse attenzione alla rincorsa, talvolta affannosa ma più spesso deliziosa, di una nuova ‘Jesus Built…’ si potrebbe anche dargli ragione. Ma a ben vedere ‘Houses Of The Molé’ riparte proprio da ‘Animositisomina’, riuscendo dove l’altro aveva fallito: a non annoiare mai.

Ecco allora che la trovata pacchiana dell’opener ‘No W’ di mescolare Carmina Burana, discorsi di Bush e riff ministryani fino all’osso suona non solo divertente ma anche affascinante. Che ‘Worthless’ diventi in un attimo un tormentone da urlare in macchina. Che ‘Wtv’ alterni quasi naturalmente riff proto-black a virate sull’elettronica.

Anche quando la rabbia si accartoccia su sé stessa, e apre la strada a soluzioni più melodiche come nelle due song conclusive, il disco non perde un oncia del proprio valore. Con il vantaggio che schiude inaspettate prospettive per il suono dei Ministry che verranno.

E allora God bless America. E i suoi Repubblicani…

Voto recensore
8
Etichetta: Sanctuary / Edel

Anno: 2004

Tracklist: 01. No "W"
02. Waiting
03. Worthless
04. Wrong
05. Warp City
06. WTV
07. World
08. WKYJ
09. Worm

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login