Hammer King – Recensione: Hammer King

Se volete ascoltare 45 minuti tondi tondi di Heavy Metal con forti venature power senza troppo impegno o la pretesa di chissà quale sperimentazione l’ultimo album dei Hammer King, band tedesca nata nel 2015 giunta al quarto disco,  fa per voi. 

Il gruppo sembra impegnato più ad una citazione continua dei gruppi che negli ultimi 40 hanno reso grande il metal più classico, che ad una ricerca di una vena di ispirazione personale. Se da una parte potrebbe non essere un grande biglietto da visita, dall’altra se la scelta è fatta in modo conscio e con convinzione, il risultato, come in questo caso, può essere decisamente interessante.

L’album parte subito in modo esplosivo con Awaken The Thunder, pezzo studiato perfettamente per fare un bel po’ di headbaging, seguita da Baptized By The Hammer”, canzone chiaramente ispirata ai Powerwolf anche se con qualche punto in meno rispetto agli originali.

Onward To Victoryè un patchwork di varie influenze, mentre  Hammerschlag” sembra una canzone degli “Hammerfall” condita da una spruzzatina di Thrash, che insieme alla seguente  “Atlantis (Epilogue)”, decisamente meno tirata,  sono le canzoni più coinvolgenti del disco.

Da questo momento in poi l’album perde un po’ della sua carica propulsiva iniziale, con l’anonima “We Are The Kingdom”,  riprendersi con “Into The Storm”, che come la seguente “In The Name Of The Hammer” ricordano l’ approccio piratesco dei Running Wild, tra le due “Ashes To Ashes” che è a metà tra Powerwolf e i primi Helloween.

Andando verso la conclusione dell’album troviamo “In The Name Of The Hammer” con i cori pronti pronti per essere cantati dal pubblico in sede live e per concludere “Kings Of Kings” dove troviamo uno strano incrocio tra i Manowar e i Blind Guardian

Giunti alla fine con tanto di outro strumentale e rilassante se da una parte sappiamo di non aver sentito nulla di nuovo dall’altra resta il fatto che ci siamo divertiti tantissimo, ecco, questo è un album fatto per essere divertente, che non è una cosa per nulla banale.

Etichetta: Napalm Records

Anno: 2021

Tracklist: 01. Awaken The Thunder 02. Baptized By The Hammer 03. Onward To Victory 04. Hammerschlag 05. Atlantis (Epilogue) 06. We Are The Kingdom 07. Into The Storm 08. Ashes To Ashes 09. In The Name Of The Hammer 10. Kings Of Kings 11. Holy (Outro)
Sito Web: http://www.hammer-king.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login