Drawn And Quartered – Recensione: Extermination Revelry

Spesso ci si trova a dover descrivere album di cui si potrebbe parlare per ore e ancora non si sarebbe detto tutto quello che c’è da dire, altre volte invece non sono necessari inutili ed estenuanti giri di parole per dare l’idea delle qualità di un album. Quest’ultimo è il caso dei Drawn and Quartered, band americana dedita al death metal nel senso più ampio della sua accezione. ‘Extermination Revelry’ riprende quelli che sono tutti gli elementi più classici associabili a questo genere musicale, li mischia con cura e il risultato che ne esce è un disco che non farà gridare al miracolo, ma che non crediamo possa deludere nessun fan del metal più estremo. Tre quarti d’ora di genuina violenza in cui vi potrà capitare di sentire, magari anche solo per brevi passaggi, molti dei gruppi che in questi anni hanno interpretato il death metal nelle forme più disparate, dai Nile ai Morbid Angel, dagli Opeth ai Cryptopsy.

Plagi? No, nessuno.

Rimandi e riferimenti? Può darsi.

Ben suonato e tecnico quanto basta, in un periodo in cui le uscite di qualità in questo settore stanno diventando cosa abbastanza rara, questo cd merita di non passare inosservato. Fateci un pensierino…

Voto recensore
6
Etichetta: Moribund Records / Masterpiece

Anno: 2003

Tracklist: 1. Embrace of darkness
2. Incinerated faithful
3. The ovens await
4. Kill for my master
5. Necrophile decapitator
6. Worshippers of total death
7. Sodomized and butchered
8. Under the chainsaw
9. Abyss behind my gaze

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login