Candlemass – Recensione: Epicus Doomicus Metallicus

Il classico debutto con i fiocchi. Epicus Doomicus Metallicus rappresenta uno di quei dischi a cui manca pochissimo per incontrare la perfezione, un’inezia che in molti viene indicata nella prova dell’allora cantante Lanquist la cui voce sembra muoversi spaesata in paesaggi così lugubri e tetri. Il doom dei candlemass riscrive le coordinate del genere, innestando inserti presi dalla NWOBHM e condendolo con atmosfere epiche ed evocative con l’intro acustica di Solitude che apre la strada ad un trittico di canzoni da consegnare alla storia.

Etichetta: Powerline

Anno: 1986

Tracklist:

01. Solitude

02. Demon's Gate

03. Crystal Ball

04. Black Stone Wielder

05. Under the Oak

06. A Sorcerer's Pledge


1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. DMH

    ma quale punto debole… la voce di langquist è la cosa migliore di questo straordinario album… voto: 10

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login