Debauchery – Recensione: Monster Metal

Monster Metal” è il titolo del decimo disco dei tedeschi Debauchery, pubblicato sotto l’egida di Massacre Records. Attivo sin dagli inizi del Terzo Millennio, il gruppo teutonico continua a portare avanti con caparbietà la propria carriera, caratterizzata da un Death ‘n’ Roll di buona fattura che trova nella potenza del groove il suo punto di forza. Anche questa prova in studio non porta variazioni alla proposta dei Nostri, rafforzando – qualora ce ne fosse bisogno – la loro posizione nel vasto panorama della musica estrema.

Introdotte da una copertina che mette in mostra il pauroso Monster Metal, le dieci tracce si presentano come un blocco compatto e omogeneo; se da un lato quest’aspetto rappresenta il marchio di fabbrica dei Debauchery, che li rende sempre riconoscibili, dall’altro è anche uno dei limiti più evidenti del combo di Stoccarda: pur conquistando l’ascoltatore con una sezione ritmica terremotante, riff poderosi e un cantato growl sempre suggestivo, sulla distanza, la ripetizione stanca dello stesso canovaccio fa scemare l’interesse intorno a questo full-lenght.

Dispiace dover constatare questo problema perché pezzi validi ce ne sono: dall’openerBloodking”, traccia impreziosita dalla presenza di Tim “Ripper” Owens, “Metal To The Bone” o la stessa title track. In generale, però, un approccio standard alla composizione e la poca voglia di osare trasmettono la sensazione di trovarsi di fronte a qualcosa di troppo uguale a sé. L’ascolto, dunque, appare troppo pesante, stancante, penalizzando brani che, presi singolarmente, sono più che sufficienti.

A rendere ancora più complicata la fruizione del disco contribuiscono due dischi aggiuntivi firmati dai side-project dal cantante e chitarrista Thomas “The Bloodbeast” Gurrath: nel primo, troviamo i Balgeroth, caratterizzati da un cantato in lingua madre; nel secondo i Blood God, una versione più Hard Rock oriented di Debauchery. In entrambi i casi, possiamo ascoltare delle rivisitazioni dei pezzi presenti nel primo disco.

In chiusura, nulla di nuovo sotto il sole. I Debauchery continuano a essere una band dotata di grande groove che pecca in originalità ed estro, limitandosi a presentare una raccolta di brani inediti fin troppo omogenei.

Etichetta: Massacre Records

Anno: 2021

Tracklist: CD1: DEBAUCHERY – Monster Metal 01. Bloodking 02. Skull Mountain 03. Debauchery Warmachine 04. Metal To The Bone 05. Blood God Eternal 06. Hate Kill Murder 07. Monster Metal 08. Debauchery Blood God 09. The Godmachines March To War 10. Warmachine Of The Chaos Gods CD2: BALGEROTH – Böse bis ins Blut 01. Blutgott 02. Die Belagerung von Knochenheim 03. Böse bis ins Blut 04. Hassen Töten Morden 05. Drachenungeheuer CD3: BLOOD GOD – Metal To The Bone 01. Monster Metal 02. Debauchery Warmachine 03. The Godmachines March To War 04. Blood God Eternal 05. Warmachine Of The Chaos Gods 06. Debauchery Blood God 07. Metal To The Bone
Sito Web: https://www.debauchery.de/

Pasquale Gennarelli

view all posts

"L'arte per amore dell'arte". La passione che brucia dentro il suo cuore ad animare la vita di questo fumetallaro. Come un moderno Ulisse è curioso e temerario, si muove tra le varie forme di comunicazione e non sfugge al confronto. Scrive di Metal, di Fumetto, di Arte, Cinema e Videogame. Ah, è inutile che la cerchiate, la Kryptonite non ha alcun effetto su di lui.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login