crimson fire – Recensione: Fireborn

I Crimson Fire affondano le radici della loro musica in mostri sacri come Tokyo Blade, Anvil o Riot ed il sound del nuovo “Fireborn” dimostra che accanto al sacro fuoco del metallo classico i greci aggiungono anche una dose non indifferente di musica più spensierata e catchy.

Quindi possiamo imbatterci nella quasi epica ed eccelsa ”Eternal Flame” e rimaner piacevolmente colpiti dal singer Johnny B. per poi rimanere un po’ spiazzati dalla Riot-oriented opener “Take To The Skies” che purtroppo non propone la stessa classe degli statunitensi.

“Fireborn” è quindi un album a due velocità; da un lato ci delizia con brani come l’heavy rock “Right Off The Bat” (dal sapore vagamente Heavy Load), dall’altro ci lascia un retrogusto amaro in bocca con pezzi come lo sgangherato hard rokkettino di “Young, Free, Lust”.

La speedy “Knightrider” (che pone sugli scudi il drummer Kostas “D.K.M” Exarchakos) e la classica e suggestiva cavalcata “Only The Brave” non bastano a risollevare le sorti del CD.

Nonostante il nuovo album sia un passo avanti rispetto al debutto “Metal Is Back” (2010) la media delle composizioni ci fa intendere che questo lavoro probabilmente passerà inosservato nella selva di ricche e rigogliose release che per questo genere escono nel 2016. Da rivedere con materiale più interessante.

crimson fire fireborn

Voto recensore
5
Etichetta: Pitch Black Records

Anno: 2016

Tracklist: 01. Awakening 02. Take To The Skies 03. Right Off The Bat 04. Young, Free, Lust 05. Hunter 06. Bad Girl 07. Master Your Destiny 08. Knightrider 09. Only The Brave 10. Her Eyes 11. Vengeful Spirit 12. Eternal Flame
Sito Web: https://www.facebook.com/CrimsonFireGreece/

leonardo.cammi

view all posts

Bibliotecario appassionato a tutto il metal (e molto altro) con particolare attenzione per l’epic, il classic, il power, il folk, l’hard rock, l’AOR il black sinfonico e tutto il christian metal. Formato come storico medievalista adora la saggistica storica, i classici e la letteratura fantasy. In Metallus dal 2001.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login