Allhelluja – Recensione: Breath Your Soul

Chi pensava che gli Allhelluja dovessero il loro successo al dimissionario Jacob Bredhal, si sbagliava di grosso. Gli Allhelluja del 2009 intanto sono una band in parte rinnovata: alla voce ora Trevor dai Sadist e GL Perotti dagli Extrema e alla chitarra ancora dagli Extrema Tommy Massara; ma quello che conta è che sono tornati con un album di pura dinamite 100%. Già dall’accattivante artwork non si può che essere attratti da “Breath your Soul” ma quando poi i 5 italiani attaccano “Face to Face With The Devil” non c’è più scampo. L’album necessità di un po’ di ascolti per essere assimilato con dovere (durata oltre i 50 minuti) ma poi si arriva alla conclusione che è praticamente impossibile inquadrare la musica degli Allhelluja in qualche genere definito. Se con i precedenti album la proposta risultava più omogenea, “Breath your Soul” necessiterebbe di una sfilza di nomi clamorosa. Principalmente di base l’attitudine è quella del rock’n’roll più sporco, cattivo e sudicio ma che poi di pezzo in pezzo viene accompagnato una volta dallo stoner allucinato, dal southern di Black Label Society, dal death n roll, dai Motorhead e la loro carica adrenalinica e dall’oscurità claustrofobica dei Black Sabbath degli anni ’70. Difficile trovare qualche difetto o qualche filler inutile, merito anche una produzione decisamente live, ruvida ma non eccessivamente sporca, in linea con il melting pot di sonorità proposte. Ai numerosi pezzi dell’album vanno ad aggiungersi tre magnifiche cover: “Into the Void” dei Black Sabbath, forse la meno azzardata del lotto ma comunque piacevole, “21st century schizoid man” dei King Crimson e una versione totalmente definitiva di “Profondo Rosso”, ovviamente qui molto più “eletricizzata” rispetto all’originale dei Goblin. La line up attuale della band non necessità di presentazione, praticamente una sicurezza di qualità assoluta: notevole comunque la scelta di utilizzare due voci così importanti. Inutile sprecare altre parole, è un disco da avere ad ogni costo. Riusciremo mai a vedere la band dal vivo? Con un album così non c’è altro che augurarselo, intanto correte a procurarvi “Breath Your Soul”.

Voto recensore
8
Etichetta: Scarlet / Audioglobe

Anno: 2009

Tracklist:

01. Intro
02. Face to Face With The Devil
03. The Eve of Despair
04. Step By Step
05. The Black Jar
06. My Medicine
07. Bloodtrip
08. 21st Century Schizoid Man
09. I Will Rise Again
10. I’m The Zero
11. Into My Head
12. The Bible Babylon
13. Into the Void
14. Profondo Rosso


Sito Web: http://www.myspace.com/allhelluja

tommaso.dainese

view all posts

Folgorato in tenera età dall'artwork di "Painkiller", non si è più ripreso. Un caso irrecuperabile. Indeciso se voler rivivere i leopardi anni '80 sul Sunset o se tornare indietro nel tempo ai primi anni '90 norvegesi e andare a bere un Amaro Lucano con Dead e Euronymous. Quali siano i suoi gusti musicali non è ben chiaro a nessuno, neppure a lui. Dirige la truppa di Metallus.it verso l'inevitabile gloria.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login