Pearl Jam – Recensione: Binaural

Quante volte dovremo ancora ripetere che è solo rock’n’roll? Impossibile saperlo. Fatto sta che ‘Binaural’ non esce dal seminato con velleità sperimentali o moderniste, ma ci restituisce un gruppo che ha semplicemente voglia di suonare, come migliaia di altri prima di loro hanno già fatto e (si spera) faranno. La musica è composta prima di tutto per ascoltare e raccontare se stessi, e forse il limite di ‘Binaural’ sta proprio qui: contiene tredici canzoni che saranno state suonate ormai centinaia di volte dai Pearl Jam, che sono certamente state scritte e riarrangiate più d’una volta, e che sono ormai un patrimonio assimilato per i membri del gruppo. Proprio per questo, allora, i pezzi risultano abbastanza difficili da assimilare appieno sulla breve distanza, benchè piacevoli sia ad un ascolto superficiale che ad uno attento e indagatore. ‘Breakerfall’ e ‘Thin Air’ ci presentano le due facce più note, quella ruggente e quella intimista, di un gruppo che avanza a piccoli passi ma affina stile e personalità ad ogni uscita, che però crescendo tende a nascondere la propria faccia più accessibile e immediata. Non si rilevano picchi particolari, l’andamento ritmico è omogeneo per gran parte dei 50 minuti, impostato com’è su mid-tempo che all’inizio quasi scoraggiano l’ascolto. Il carisma vocale di Eddie Vedder fa da galleggiante ed impedisce al disco di scivolare verso alcun tipo di noia, ed è giusto dire che la perseveranza paga, e in contanti, visto che dopo alcuni ascolti si cominciano a scoprire gli angoli di ‘Binaural’, quelle intercapedini sottili fra una strofa e l’altra che sprizzano gusto, classe e onestà. Ecco forse questo album è semplicemente "onesto", e come tutte le cose oneste può non piacere a primo acchito, ma non manca di conquistare fiduca e simpatia se gli si dedica attenzione.

Voto recensore
7
Etichetta: Sony

Anno: 2000

Tracklist: Tracklist: Breakerfall / God's Dice / Evacuation / Light Years / Nothing As It Seems / Thin Air / Insignificance/ Of The Girl / Grievance / Rival / Sleight Of Hand / Soon Forget / Parting Ways

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login