Magister Templi – Recensione: Magister Templi

I norvegesi Magister Templi vedono i loro natali nel 2008, da un’idea del vocalist Abraxas D’Ruckus e del chitarrista David “Baphomet” Ulleland. Inizialmente dediti a un più disincantato folk rock, i nostri virano presto verso un heavy/doom metal dai tratti epici e influenzato in modo particolare dalla new wave britannica, con richiami che possono ricordare ad esempio i Pagan Altar e persino acts classici che non hanno bisogno di presentazioni: Iron Maiden e Mercyful Fate.

La svolta heavy della band coincide inoltre con la dedizione a un panorama lirico sempre interessante, che flirtava con tematiche occulte (pur sempre diluite in un contesto narrativo) in occasione del debutto “Lucifer Leviathan Logos” (2013) e che oggi racconta le antiche divinità della civiltà egizia, dedicando una canzone a ciascuna di esse (ad eccezione di Ra, che in quanto Sole, è autore sia di un inizio che di una fine).

I caratteri doom si risolvono in alcuni rallentamenti e in un sound che resta polveroso e pieno di spigoli, ma l’anima più intima di questo gruppo è vicina all’heavy classico, da cercarsi in solfurei ricami à la Mercyful Fate (“Osiris”, “Anubis”) e in cavalcate dal sapore maideniano che rafforzano il flavour epico dei pezzi (“Slaying Apophis”). Per il resto i nostri non ricorrono a particolari orpelli, semplicemente propongono un songwriting efficace e competitivo che manifesta la credibilità del progetto e la passione che i cinque musicisti riversano in esso.

Le tracce speculari “Creation” e “Destruction” fanno salire sugli scudi la performance di Abraxas, dotato di un timbro acuto e autore di disturbanti falsetti che vanno ad emulare King Diamond. David “Baphomet” macina riff e spesso le chitarre accompagnano dei refrain ficcanti e di presa che esaltano la natura emozionale del platter, come testimoniano le citate “Osiris”, “Anubis” e “Slaying Apophis”.

Voto recensore
7
Etichetta: Cruz Del Sur Music

Anno: 2015

Tracklist:

01. Creation
02. The Lord Of The Morning
03. Osiris
04. Horus The Avenger
05. Anubis
06. Sobek
07. Slaying Apophis
08. Destruction


Sito Web: https://www.facebook.com/pages/Magister-Templi/102129379880020

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi