KXM – Recensione: KXM

Colpiscono con la loro potenza e il loro groove i KXM, trio di fuoriclasse formato da dUg Pinnick (King’s X), George Lynch (Dokken, Lynch Mob) e Ray Luzier (Korn). Una band che coniuga l’energia e l’impressionante forza d’urto con un senso della melodia che apre per contrappunto squarci su scenari sonori apocalittici figli del nu metal. Un combo che sa farsi notare al primo ascolto e che agli approfondimenti successivi consente di elaborare e immaginare spunti appena percettibili in superficie.

La tensione e l’urgenza dell’opener “Stars” fanno spazio alle ariose aperture del chorus di “Rescue Me”, splendido pezzo scelto come apripista, sorta di King’s X in versione heavy, ipnotica e a tratti funkeggiante. Ciò che colpisce fin dal primissimo ascolto è sicuramente la capacità di mettere assieme in maniera efficace caratteristiche e background dei tre musicisti: da Lynch il riffing potente e creativo, da Luzier l’energia e il ritmo del nuovo millennio, da Pinnick un gusto per scelte melodiche mai banali e di grande impatto. “KXM” è, così, un lavoro molto omogeneo, in cui dai singoli episodi spuntano schegge impazzite, dettagli che trasformano l’esperienza in un assalto sonoro non privo di sorprese. Sia in “Gun Fight” che nella power ballad “Never Stop” colpiscono i riff di Lynch, efficaci e fantasiosi proprio come l’interpretazione passionale di Pinnick. L’ipertecnologica “Faith Is A Room” ci porta in atmosfere avveniristiche e vive di un crescendo irresistibile di potenza, imperniato sul forsennato drumming di Luzier. “I’ll Be Ok” ha uno sviluppo quasi psichedelico, e in effetti il senso di libertà è un altro degli elementi-chiave per vivere e respirare l’album. La liquida “Sleep” e l’acrobatica “Love” ampliano lo spettro in cui spazia quella che sembra a tutti gli effetti una band e non un progetto, salvo poi richiamare in maniera esplicita i King’s X nel chorus. La flessione dell’ultima parte con le elaborate e meno dinamiche “Burn” e “Do It Now” è un peccato veniale, risollevato dalla pur tecnica ma contagiosa “Human Friction”, che chiude il cerchio. Presenti anche due bonus track: la strumentale “Tranquilize” e il radio edit di “Rescue Me”.

Un album che è sorpresa e ossigeno per un panorama che ha bisogno di fantasia, tecnica, passione, energia: tutti ingredienti presenti a larghe dosi in quello che si spera non rimanga un lavoro senza seguito.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Rat Pak Records

Anno: 2014

Tracklist:

01. Stars
02. Rescue Me
03. Gun Fight
04. Never Stop
05. Faith Is A Room
06. I’ll Be OK
07. Sleep
08. Love
09. Burn
10. Do It Now
11. Human Friction
12. Tranquilize (bonus track)
13. Rescue Me (radio edit) (bonus track)


Sito Web: https://www.facebook.com/KXMofficial

giovanni.barbo

view all posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

2 Comments Unisciti alla conversazione →


  1. Alberto Capettini

    Luzier dà un groove niente male al tutto…

    Reply
  2. geezer

    splendido cd consigliato a tutti gli estimatori dei King’s X_ la batteria forse è un po’ troppo in evidenza rispetto linee vocali e chitarra…il riff di “Stars” è da premio Nobel

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi