Buckcherry – Recensione: Fuck

 

E’ passato poco più di un anno dall’uscita di “Confessions” (la recensione), il sesto album in studio dei Buckcherry e ora ci ritroviamo tra le mani un nuovo ep intitolato semplicemente “Fuck”. Se il precedente disco era sostanzialmente un album dai risvolti più malinconici e introspettivi sempre con lo stile inconfondibile della band, qui il sound è tornato agli albori, irruento, martellante, senza sosta, una scarica di adrenalina che si fa subito sentire dall’iniziale “Somebody Fucked With Me”, un inno di protesta contro i politici, le religioni, i media e tutte le istituzioni. La successiva “Say Fuck It” è una cover degli Icona Pop, un duo dance svedese ed è un brano che da un po’ di tempo la band propone nei suoi live e che i fan accorsi alla data di Tricesimo (il live report) hanno potuto gustare già lo scorso giugno. Alla canzone viene data una bella spruzzata di rock e di chitarre graffianti e il ritornello viene simpaticamente modificato da “I Love It” in “Say Fuck It”.

“The Motherfucker” è il secondo pezzo che la band ha rilasciato dal player di Soundcloud ed è un brano immediato, a dir poco travolgente, in pieno stile Buckcherry con il pedale che preme sempre sull’acceleratore, sicuramente una delle migliori composizioni scritte dal combo californiano. La successiva “I Don’t Give A Fuck” è un pezzo un po’ atipico, con le chitarre dalle ritmiche quasi funky e la voce di Josh che scandisce il ritornello in modo quasi ossessivo. “It’s A Fucking Disaster” invece è una canzone spiazzante, inizialmente sembra quasi una power ballad ma poi si trasforma in un brano trascinante con accelerazioni di chitarra inaspettate e si rimane letteralmente travolti e senza fiato. “Fist Fuck” invece è una scheggia impazzita, al di sotto dei due minuti e mezzo senza fronzoli e compromessi, un pezzo in grado di raccogliere lo spirito e la voglia di divertirsi della formazione capitanata da Josh Todd. In attesa di ascoltare un nuovo e completo album in studio per ora non ci resta che ingannare l’attesa con questo ottimo ep premendo di nuovo il tasto play.

Voto recensore
8
Etichetta: F Bomb Records/Century Media Records

Anno: 2014

Tracklist:

01. Somebody Fucked With Me

02. Say Fuck It

03. The Motherfucker

04. I Don’t Give A Fuck

05. It’s A Fucking Disaster

06. Fist Fuck


Sito Web: http://buckcherry.com/

eva.cociani

view all posts

Amo la musica a 360 gradi, non mi piace avere etichette addosso, le trovo limitanti e antiquate, prediligo lo street, il glam e anche il goth, ma non disdegno nulla basta che provochi emozioni. Ossessionata dalle serie tv, dalla fotografia, dai viaggi e dai live show mi identifico con il motto: “Live the life to the fullest”.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi