Tanzwut – Recensione: Freitag Der 13

A poco più di sei mesi da “Eselsmesse” (la recensione) è già tempo di come back per Teufel e i suoi Tanzwut, che questa volta si presentano al pubblico nelle vesti metalliche. Infatti, è ormai tradizone per l’ensemble berlinese alternare una release di semplice musica medievale ad un’altra in cui il gruppo riassume i suoi connotati heavy, offrendoci come al solito una miscela di robusto metal dal piglio moderno (a ricordare vagamente Rammstein e simili), una spruzzata di elettronica e le immancabili cornamuse.

Tuttavia, mischiando l’ordine degli addendi, il risultato non cambia. “Freitag Der 13” (i dettagli), che esce proprio nel giorno di Venerdì 13, non sposta di una virgola il canale espressivo dei nostri amici berlinesi. Eccoci dunque alle prese con tredici (giusto per rimanere in tema) canzoni di saltellante e disincantato folk metal in cui, a fare la parte del leone sono la voce graffiante del mastermind e le cornamuse. I brani sono formalmente perfetti, dotati quasi sempre di un refrain ficcante e ideali per un ascolto rilassante e senza grosse pretese, se non quella di muoversi a ritmo e cantare insieme a Teufel (cosa che verrà un po’ più facile ai nostri colleghi teutonici), magari con un boccale di buona birra a portata di mano.

Detto questo, ovvero che “Freitag Der 13” è l’ennesimo album “orgogliosamente tutto uguale” a cui i tedeschi ci hanno abituati, ciò che rimane è un ascolto piacevole ed eseguito nel migliore dei modi, con episodi pieni di energia come “Brüder Im Geiste”, la titletrack e “Ohne Sünde”, a farsi ricordare più degli altri. Per il resto non registriamo nessun’altra novità in casa Tanzwut, che si confermano una sicurezza per i fan. Chi dunque segue l’ensemble mitteleuropeo può avvicinarsi a “Freitag Der 13” senza nessun timore, cie invece non è avvezzo al genere, non cambierà opinione dopo l’ascolto di questo album. Un disco che, ne siamo certi, renderà molto meglio dal vivo, durante uno degli ottimi show targati Tanzwut dove si mischiano antico e moderno.

Per la cronaca, “Freitag Der 13” sarà disponibile anche in una ricca versione limitata con un book fotografico e cartoline autografate, oltre ad un bonus Cd di remixes eseguiti da altre band tedesche come Rotersand, Mono Inc., Subway To Sally e Lord Of The Lost.

Voto recensore
6,5
Etichetta: AFM Records

Anno: 2015

Tracklist:

01.  Brot Und Spiele

02.  Brüder Im Geiste

03.  Freitag Der 13.

04.  Spielzeugland

05.  Die Zeit Heilt Alle Wunden

06.  Ohne Sünde

07.  Der Zeitdieb

08.  Niemals Mehr

09.  Des Teufels Braut

10.  Vorbei Ist vorbei

11.  Spiegelkabinett

12.  Bis Der Morgen Graut

13.  Wenn Wir Untergehen


Sito Web: http://www.tanzwut.com/

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi