Tiamat – Recensione: Prey

Dopo ‘Skeleton Skeletron’ e le sue tentazioni elettroniche. Dopo ‘Judas Christ’, le melodie catchy, la luce che filtrava anche dai solchi di Lucyfire. Dopo tutto questo, il buio. Non il buio assoluto, no. Piuttosto la penombra, il crepuscolo, sottili raggi di luce che filtrano da un drappo. ‘Prey’ è tutto questo, e molto di più. È un disco semplice, lineare, diretto. Perché, alla fine, canzoni come ‘Cain’ o ‘Wings Of Heaven’ altro non sono che una riproposizione dei vecchi Sisters Of Mercy. Appesantita, resa personale dal tocco di Edlund in fase compositiva, ma sempre di quello si tratta.

Banalità, dunque? No. Questa volta a parlare sono le emozioni più che le canzoni. Introspezione, potrebbe essere questa la parola d’ordine, il fil rouge che attraversa il disco. ‘Nihil’, che si apre con un riff che sembra venire da ‘The Angel And The Dark River’, ‘Prey’, gli stacchi strumentali sono lì a dimostrarlo. E poi sacralità, un feeling arcano, misticismo e religiosità (sì, perché no? Leggasi al capitolo ‘The Pentagram’). Non mancano nemmeno i pezzi più ariosi: ‘Light In Extension’, ‘Love In Chains’, ‘Clovenhoof’, sprazzi di speranza (?) nel cupo panorama di ‘Prey’. E poi, appunto, ‘The Pentagram’: 7 minuti di un’intensità devastante, una canzone scritta su un poema di Aleister Crowley, un assolo di chitarra che racchiude più emozioni, forse, dell’intera produzione delle band finnico-depresse degli ultimi anni. La splendida conclusione di un lavoro triste ma non depresso; rassegnato, piuttosto… Decadente, ecco: la parola perfetta per inquadrare ‘Prey’. Un ritorno alla grandissima per Johan Edlund, ormai unica anima della creatura Tiamat. Anima nera, ma sempre viva e pulsante.

Fortunatamente.

Voto recensore
8
Etichetta: Century Media/Self

Anno: 2003

Tracklist: 01. Cain
02. Ten Thousand Tentacles
03. Wings Of Heaven
04. Love In Chains
05. Divided
06. Carry Your Cross And I'll Carry Mine
07. Triple Cross
08. Light In Extension
09. Prey
10. The Garden Of Heathen
11. Clovenhoof
12. Nihil
13. The Pentagram

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi