Velvet Underground – Recensione: Peeled: La Storia Dei Velvet Underground

“Il primo album dei Velvet Underground vendette soltanto diecimila copie, ma tutti quelli che lo comprarono formarono una band”: Brian Eno.

Nessun’altra band vanta un successo in classifica tanto scarso e un’influenza musicale così duratura (David Bowie, Sex Pistols, Joy Division, Roxy Music, U2, Sonic Youth, Nirvana e The Strokes) come la formazione dei Velvet Underground.

Sono due citazioni d’obbligo per apprendere l’universo musicale creato dai Velvet Underground, formazione tanto seminale (al pari di Beatles e Rolling Stones), sulle generazioni a divenire, quanto fortemente osteggiata dall’industria discografica e dalla critica. Avanguardia, psichedelia, rumore, il sound del gruppo newyorkese è stato coniato nei più svariati modi ma, forse, per meglio definirli basterebbero due semplici parole: coarggiosi e liberi.

Quattro personalità diverse unite dalla voglia di sperimentare, uscire fuori dagli schemi, di non essere codificati agli occhi della massa, pagando amaramente le proprie scelte collezionando clamorosi flop commerciali, per essere successivamente rivalutati e gratificati con l’inserimento nella Rock And Roll Hall Of Fame.

Peeled” si presenta come una straordinaria istantanea della New York dei primi anni ’60. Il libro racconta in modo contestualizzato i sapori (dolci e amari) della grande mela, in un periodo artisticamente effervescente che solo qualche anno più tardi sarebbe stato riconosciuto per la sua, fondamentale, importanza. Grande spazio riservato al mentore del gruppo Andy Warhol, figura predominante del movimento pop art americano, colui che per primo ha creduto nel potenziale commerciale dei VU. Va riconosciuto a Rob Jovanovic, già autore di altre biografie (Nirvana, R.E.M., Beck, Pavement), la sua bravura per aver reso la biografia una piacevole e scorrevole lettura, immersa tra i meandri delle vite sociali (incasinatissime) e musicali (pazzi e geniali) dei quattro protagonisti – Lou Reed, John Cale, Sterling Morrison e Moe Tucker – che, inconsapevolmente del proprio operato, hanno lasciato un contributo di enorme importanza nel mondo musicale ma non solo.

Peeled” è un libro fortemente consigliato a tutti, giovani e meno giovani, che siate più o meno dei rocker, per capire come girava il mondo quando iniziarono i Velvet Underground, ma anche per affrontare un viaggio a ritroso affascinante, spesso drammatico, ma tremendamente ricchissimo di spunti creativi.

Voto recensore
9
Etichetta: Arcana

Anno: 2011


Sito Web: http://www.arcanaedizioni.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi