Impellitteri – Recensione: Pedal To The Metal

Torna a farsi sentire il guitar-virtuoso Impellitteri e lo fa con un lavoro dal forte impatto metallico e tradizionalista che non manca però di stupire con inaspettati spunti moderni. Songwriting convincente e grande potenza sono i punti di forza di ‘Pedal To The Metal’, a partire dalla pesantissima ‘The Iceman Cometh’ che ricorda in qualche modo i brani più aggressivi dei Racer X dell’ultimo periodo. Attacco bissato dal riff granitico di ‘The Kingdom Of Titus’ e dalla velocità esecutiva di ‘Dance With The Devil’, che restano però maggiormente negli schemi dello speed metal neo-classico. Molte sono invece le tracce che evidenziano il desiderio di inserire nel contesto qualcosa di imprevedibile: lo sperimento metal classico-rap di ‘Punk’ ci lascia a dire il vero un po’ perplessi, ma altri momenti risultano molto ben amalgamati con la tradizione (‘Hurricane’ suona come un incrocio tra i Godsmack e la melodia dell’hard rock) e tirano fuori il mostro di metallo un po’ impigrito che teniamo chiuso nel nostro torace. Se pur mai completamente originali, le composizioni riescono comunque costantemente a stupire quel tanto che basta per tenerci incollati all’ascolto, fosse anche solo per l’uso particolare di un suono durante l’assolo o per il ritornello melodico (e a volte quasi ‘alternative’) incastrato tra due riff spaccaossa. ‘Crushing Daze’ poi è un delirio: pezzo di puro industrial-speed-thrash dal coro apertissimo che potrebbe far venire in mente addirittura Devin Townsend da solista. Insomma, il nostro buon Chris ha centrato il bersaglio in pieno, producendo una manciata di song senza cedimenti che hanno come unico denominatore il desiderio di pestare su quel pedale con il marchio HM sopra. Peccato solo per una copertina ridicola firmata da un sempre più imbolsito Derek Riggs. Per il resto siamo al cospetto di un gran bel disco che dimostra come sia possibile costruire un ponte tra passato e attualità senza perdere in coerenza.

Voto recensore
7
Etichetta: SPV / Audioglobe

Anno: 2005

Tracklist: 01. The Iceman Cometh
02. The Kingdom of Titus
03. Dance With The Devil
04. Hurricane
05. Crushing Daze
06. Destruction
07. Judgement Day
08. Punk
09. Propaganda Mind
10. The Writings On The Wall

riccardo.manazza

view all posts

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi