Ultime News

Ayreon – Recensione: Flight Of The Migrator

La seconda parte del monster album di Lucassen ci propone un altro viaggetto, stavolta alla scoperta dell’anima primordiale e la compagnia si nutre di nuove stelle: Bruce Dickinson, Andi Deris, Fabio Lione, Ralf Scheepers,Timo Kotipelto, Ian Parry e Russel Allen ereditando dalla prima porzione Lana Lane e Damian...

Ayreon – Recensione: The Dream Sequencer

Senza dubbio un disco atteso da buona parte degli estimatori della musica prog e metal, questa nuova fatica di Arjen Anthony Lucassen (Bodine, Vengeance), dopo ‘The Final Experiment’, ‘Actual Fantasy’ e ‘Into The Electric Castle’, il quarto capitolo solista che si snoda per due ore e venti minuti...

Braindamage – Recensione: Collapse

A Torino, nell’ultima edizione dello Psychoparty, si avvertiva nell’ aria che per i Braindamage sarebbe stato il punto di non ritorno. L’ attitudine avrebbe pagato oppure voltato la faccia. Da qualche tempo, nei meandri dell’underground, la creatura ‘Collapse’ si muoveva, senza aver trovato il giusto tombino per giungere...

Browbeat – Recensione: No Salvation

Alcune volte, il panorama metal, si popola di strane creature, quelle che spazzano via il candore del perfetto metallaro e si vestono da spaventa-vicini. In questa sezione, devastante e cattiva, rientra il debutto degli emiliani Browbeat. ‘No Salvation’ è un disco furioso, paragonabile all’impatto di ‘Burn My Eyes’...

Sheavy – Recensione: Celestial Hi-Fi

La seconda prova dei canadesi, ‘The Electric Sleep’, venne accolta due anni orsono con l’entusiasmo di chi crede di avere a che fare con la ‘next big thing’. Forse merito allora dell’ Osbourniano cantato di Steve Hennessey, ancora più Ozzy dello stesso Ozzy? Oggi gli Sheavy ci riprovano,...

Peter Pan Speedrock – Recensione: Killermachine

Per far risuscitare Elvis non servono apparecchiature sofisticate e costosissime, basta ‘Killermachine’! Sguaiati, maleducati, sbronzi e molestissimi, ecco i Peter Pan, 3 beoni di Eindhoven usano la propria merce di scambio per ottenere della birra e che guardano con concupiscenza ogni ragazza capiti nei loro paraggi. Occhiali da...

Paul Rodgers – Recensione: Electric

Attitudine blues elettrico. Qui potremmo fermarci, visto che Paul Rodgers è senza dubbio una delle storiche voci dell’hard rock, padre spirituale di generazioni di cantanti oltre che colonna portante dei Bad Company, Firm e The Law. Il delta del Mississippi è sconvolto dal soffio dei Marshall in ‘Deep...

Orange Goblin – Recensione: The Big Black

Se le aspettative della band con ‘Time Travelling Blues’ erano adagiate sul motto “I Black Sabbath ed i Pink Floyd hanno avuto un figlio bastardo”, con questo ‘The Big Black’, gli Orange Goblin riescono a tramortire, esplodendoci in faccia senza tanti complimenti. Riff spezzati, atmosfere da delirio sonico,...