Mickey Thomas (over The Edge) – Recensione: Over The Edge

Se fosse un disco di power metal, ‘Over The Edge featuring Mickey Thomas’ si meriterebbe a pieno titolo la definizione di defender duro e puro. Solo che qui la materia trattata (o meglio omaggiata vista la totale devozione al canone) è l’a.o.r./fm rock di metà anni ottanta. Quello fatto di chitarre distorte con moderazione, grandi ritornelli dedicati ad infatuazioni definitive per la donna dei propri sogni e gustosi assoli melodici. Gioia di vivere e tanti saluti a tutto il resto. Il timbro perfetto (tra estensione verso l’alto e ‘raschietto in gola’) dell’ex Starship Mickey Thomas aggiunge infine valore e spessore ad una serie di canzoni quasi tutte firmate da grossi nomi (Neil Schon, Jack Blades, Jonathan Cain, Freddy Curci…).

Nei momenti più riusciti il risultato è all’altezza del periodo migliore del genere (la perfetta semplicità uplifting della title track è da libro di testo, mentre ‘Forest For The Trees’ si concede abbastanza divagazioni strumentali per lasciare un segno), in altri soddisfa anche se fa domandare quante canzoni devono avere scritto per i Journey senzo poi utilizzarle i signori Schon, Blades& Cain, visto che continuano a saltarne fuori ovunque, tra le varie produzioni Frontiers. Altrove l’esperienza del cantante americano e la produzione professionale del nostrano Fabrizio V.Zee Grossi permettono ad episodi del tutto standard di evitare che la temuta sensazione di ‘già sentito’ rovini il piacere dell’ascolto.

Destinato ai fedelissimi di una formula stracollaudata, ‘Over The Edge’ centra l’obbiettivo che si è prefisso, lasciando a desiderare solo in quanto a personalità.

I fedelissimi di cui sopra non si faranno certo infastidire da un simile dettaglio: per loro il voto può tranquillamente considerarsi alzato di un punto.

Voto recensore
6
Etichetta: Frontiers

Anno: 2004

Tracklist: 01.Over The Edge
02.One World
03.Thief
04.Surrender
05.Eyes Wide Open
06.Forest For The Trees
07.The Man In Between
08.Cover Me
09.Turn Away
10.Glory Day

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi