Ivory Moon – Recensione: On The Edge Of Time

Gli Ivory Moon, band italiana al debutto su CD, ci presenta un power metal sinfonico arricchito dall’alternanza di un singer dal classico stile power quale Gianluca Sbarbati e di una cantante lirica, Cecilia Serra. L’album presenta diversi momenti interessanti anche se alterna brani vincenti ad altri noiosi e soporiferi. Purtroppo il CD inizia nel peggiore dei modi, con due canzoni anonime (anche nei testi introspettivi) come ‘Fading Away’ e ‘Back To Life’, che hanno il solo pregio di metter subito in mostra le indubbie qualità di Cecilia alla voce e le partiture romantiche di Filippo Natoli alle tastiere. Il “vero” CD inizia con la terza track, ossia ‘Lord Of Mountain’, un bel brano di epic symphonic metal, che alterna la classica ritmica “cavalcata” a partiture di tastiere celestiali che approfondiscono il discorso melodico. Altro momento interessante del CD è senz’altro il brano ‘Milites Templi’, che inizia con un incedere cadenzato veramente riuscito, che permette a Gianluca di utilizzare tutta la sua espressività. Il pezzo, forse il più epico del lotto, si evolve alternando anche alcuni passaggi di cantato growl, presentando ottime scelte per il confezionamento dei cori, che vedono ancora Cecilia sugli scudi. A chiudere il discorso legato ai pezzi più riusciti aggiungiamo un’altra track epico-sinfonica, ossia l’ottima ‘Valhalla’, che ripropone tutti gli assi in possesso della band romana, in sette minuti che non ammettono errori, grazie ad una buona prestazione dei due singer e una linea ritmica precisa e potente che esalta le parti più rallentate. Purtroppo però non mancano anche alcuni momenti negativi che minano in parte il valore del prodotto, come ad esempio il lento ‘Raining Tears’ o la power song ‘Hell’, che fa intravedere, fra l’altro, alcune lacune del singer Gianluca, soprattutto quando sforza la voce in acuti inespressivi. I suoni del CD nel complesso possono considerarsi accettabili, considerando che si tratta di un debutto, ma chi ama produzioni cristallino potrebbe incontrare sorprese poco gradite. In conclusione possiamo consigliare il CD agli amanti del power sinfonico italiano, mentre chi non sopporta questo stile ormai cristallizzato da alcuni ingredienti stilistici ricorrenti può passare oltre.

Voto recensore
6
Etichetta: Battle Hmyns Records / Self

Anno: 2005

Tracklist: 01. Fading Away
02. Back To Life
03. Lord Of Mountain
04. Hell
05. White Wings
06. Milites Templi
07. Raining Tears
08. Valhalla
09. Asteroid

leonardo.cammi

view all posts

Bibliotecario appassionato a tutto il metal (e molto altro) con particolare attenzione per l’epic, il classic, il power, il folk, l’hard rock, l’AOR il black sinfonico e tutto il christian metal. Formato come storico medievalista adora la saggistica storica, i classici e la letteratura fantasy. In Metallus dal 2001.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi