Ephel Duath – Recensione: On Death And Cosmos

Come back sontuoso per Davide Tiso, mente e braccio degli Ephel Duath, che con “On Death And Cosmos” torna sulla scena estrema regalando ai propri fans un’altra perla musicale dall’indiscutibile valore artistico.

Per l’Ep in questione, tre brani per una durata complessiva di circa venti minuti, il mastermind della band ha chiamato a raccolta attorno a sé personaggi importanti della scena metal contemporanea, vale a dire Karyn Crisis, voce della band omonima, il drummer Marc Minneman, già presente in “Through My Dog’s Eyes”, il bassista Steve Di Giorgio, il cui passato artistico annovera band quali Sadus, Death, Autopsy, Testament e Vintersorg solo per citarne alcune.

La proposta musicale dei nostri è come sempre di difficile assimilazione, non basta un superficiale ascolto per carpirne ogni singola sfumatura, ma richiede attenzione e riflessione, data la proverbiale dissonanza che accompagna ogni produzione della creatura Ephel Duath. Lo stile cacofonico pervade le tre tracce lungo le quali fraseggi e riff di chitarra costituiscono la radice di un sound articolato, l’ossatura intorno alla quale la sezione ritmica costruisce poi un coriaceo tessuto musicale, quasi oscuro ed impenetrabile.

Ogni singolo episodio lascia l’ascoltatore disorientato, incapace di ridurre la struttura compositiva ad un linguaggio musicale conosciuto, piuttosto stupiscono le soluzioni armoniche di Tiso, che spesso si incammina lungo tortuose strade costituite da ruvidi picchi che si dissolvono in delicati e cristallini arpeggi dal sapore fusion.

“On Death And Cosmos” non è un album alla moda, non segue schemi ben precisi, non vuole far presa sul vasto pubblico, ma è semplicemente un’opera d’arte che va assaporata in ogni singola nota.

Voto recensore
8
Etichetta: Agonia Records

Anno: 2012

Tracklist:

01. Black Prism
02. Raqia
03. Stardust Rain

 


Sito Web: http://www.myspace.com/ephelduath

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi