Negura Bunget – Recensione: OM

Uno dei migliori acts presenti nella scena underground del black metal europeo è sicuramente rappresentato dai rumeni Negura Bunget, che pubblicano nel 2006 il quarto album della loro carriera, nonché secondo sotto l’italiana Code666. ‘OM’ è un concept che pone ancora in evidenza la spiritualità emanata dalle desolate terre della Transilvania, regione d’origine del three-piece black metal: dal punto di vista lirico, in ‘OM’ viene esplorata la tematica della purificazione, come parte di un percorso rituale e mistico. Se ”N Crugu Brandului’ aveva raffigurato un ottimo esempio di commistione tra black metal grezzo e soluzioni più moderne, ‘OM’ va oltre, abbracciando una tavolozza timbrica notevole, dotata di soluzioni mai scontate e banali, grazie anche al forte intervento delle tastiere, leggermente sinfoniche in certi tratti.

La seconda lunga traccia, ‘Tesarul De Lumini’ è splendida nel suo incedere introspettivo e gelido, conferito proprio dall’alternanza tra mid-tempo distesi e ricchi di tastiere atmosferiche e i riff tirati tipici del black. La registrazione e la produzione non sono eccezionali, come non è impeccabile la struttura interna di diversi episodi del platter, ma l’alone che si respira immergendosi in ‘OM’ è inquietante e freddo, fedele ritratto delle foreste della Transilvania in cui si svolgono le vicende basate sul rapporto tra l’individuo e la natura incontrastata che lo circonda.

Da rammentare durante l’ascolto per la sua direzione sperimentale e di certo inusuale per un full-lenght black è la quinta stupenda ‘Inarborat’, che testimonia le grandi doti compositive in possesso del terzetto di Timisoara, capace però di proporre anche pezzi più in linea con la tradizione del genere (‘Dedesuptul’ su tutti).

Pertanto è una bella sorpresa questo ‘OM’, un lavoro non curato nei minimi particolari né studiato con professionalità, ma provvisto di un fascino che rimanda l’ascoltatore alla nascita del genere, quando Ulver, Satyricon e compagni operavano nelle sperdute lande norvegesi. Ultimo appunto va fatto per la copertina, come sempre elaborata e completa di tutti gli elementi che fondano la musica dei Negura Bunget.

Voto recensore
7
Etichetta: Code 666

Anno: 2006

Tracklist: 01. Ceasuri Rele
02. Tesarul De Lumini
03. Primul Om
04. Cunoaºterea Tãcutã
05. Inarborat
06. Dedesuptul
07. Norilor
08. De Piatrã
09. Cel Din Urmã Vis
10. Hora Soarelui
11. Al Doilea Om

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi