Obituary – Recensione: Ten Thousand Ways To Die

Dopo una serie di album che definire non esaltanti è un eufemismo, gli Obituary pensano bene di prendere tempo con un’uscita interlocutoria. Il presente “Ten Thousand Ways To Die” non è infatti un disco di pezzi originali, bensì una particolare raccolta che presenta due inediti e undici tracce registrate dal vivo. Queste ultime pescano naturalmente in abbondanza dal glorioso passato della band, e speriamo che ciò sia di ispirazione ai nostri per i futuri appuntamenti in studio.

I due nuovi brani che questo lavoro ci offre non sono infatti ancora una volta molto convincenti. La quasi strumentale e pachidermica “Loathe”, lenta ai limiti del doom, è estenuante nei suoi quasi sei minuti e mezzo di durata; anche la title track a seguire non spinge purtroppo sul’acceleratore, pericolosa tendenza questa che gli Obituary ci hanno già rivelato nell’ultimo “Inked In Blood”, risultando insapore e terribilmente simile alla canzone che l’ha preceduta. Per fortuna le tracce live, registrate in svariate città degli Stati Uniti, risollevano un po’ le sorti dell’opera. La dimensione dal vivo è sempre stata quella ideale per la band di Tampa e quando si vanno a citare a più riprese album seminali del calibro di “Slowly We Rot” e “Cause Of Death” non si può che vincere facile.

Ten Thousand Ways To Die” non rappresenta in ogni caso una release particolarmente utile e anche i più assidui sostenitori del gruppo della Florida devono valutarne con attenzione l’acquisto. Il suo essere a metà tra un live e un best of, senza offrire la necessaria completezza che entrambe le tipologie di opera avrebbero richiesto, unita alla poca qualità dei due inediti, rendono il disco insufficiente e trascurabile. Speriamo davvero che gli Obituary sappiano risollevare le sorti della propria carriera in un futuro quanto mai prossimo.

Obituary - Ten Thousand

Voto recensore
s.v.
Etichetta: Relapse Records

Anno: 2016

Tracklist: 01. Loathe 02. Ten Thousand Ways To Die 03. Redneck Stomp (Live – The Mayan – Los Angeles) 04. Centuries Of Lies (Live – The Masquerade – Atlanta) 05. Visions In My Head (Live – Baltimore Soundstage – Baltimore) 06. Intoxicated (Live – Revolution Center – Boise) 07. Bloodsoaked (Live – Irving Plaza – New York) 08. Dying (Live – Metro – Chicago) 09. Find The Arise (Live – Opera House – Toronto) 10. Til Death (Live – House Of Blues – San Diego) 11. Don’t Care (Live – Club Red – Phoenix) 12. Chopped In Half-Turned Inside Out (Live – The Ritz Ybor – Tampa) 13. Slowly We Rot (Live – Revolution Live – Fort Lauderdale)
Sito Web: http://www.obituary.cc/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi