Over A Barrel: con membri di The Modern Age Slavery e Dark Lunacy svelano il primo singolo “No Warnings No Signs”, il debutto in uscita a marzo

Comunicato stampa:

Nell’anno della pandemia Covid19, quando il mondo è stato costretto al lockdown, due vecchi amici hanno unito le loro forze per dare vita a una nuova band. Gli OVER A BARREL, che vedono tra le proprie fila Luca Cocconi (THE MODERN AGE SLAVERY, BROWBEAT) e Imer Bigi (ex-DARK LUNACY), sono spinti dalla passione per la musica estrema. Il risultato è un disco veloce, potente e grezzo. “Self-Inflicted Wounds” verrà pubblicato il 18 marzo 2022.

Oggi la band dà un primo assaggio della propria proposta musicale attraverso il primo singolo ‘No Warnings No Signs’, accompagnato da un visualizer video. L’atmosfera violenta, i riff carichi di groove e un cantato penetrante offrono il perfetto esempio del suono degli OVER A BARREL.

Il debutto “Self-Inflicted Wounds” è stato registrato, mixato e masterizzato all’Audiocore Studio di Parma da Luca Cocconi e Simone Sighinolfi.

Senza seguire le mode, l’album è stato concepito in maniera naturale e genuina. “Non ci siamo mai messi dei paletti nella composizione. Semplicemente ci dicevamo: ‘Questo gira bene, ci piace? Ok, perfetto andiamo avanti’. Fin da subito avevamo un’idea precisa che era quella di cercare di comporre musica estrema che piacesse in primis a noi stessi, con la mente aperta e non con i paraocchi in una sola direzione. Questa è l’essenza che si può trovare nelle tracce che compongono questo album”, racconta la band.

I pre-ordini sono disponibili qui: https://overabarrel.bandcamp.com/ | https://bit.ly/3qFZL0x

Di seguito la tracklist e l’artwork di copertina:

01. Woland (intro)
02. No Warnings No Signs
03. Over A Barrel
04. Pain Inflicted To Yourself
05. Distrusted Victims
06. Dripping Blood
07. Turning Point
08. Cyberwaste (FEAR FACTORY cover)

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login