Labyrinth: Sergio Pagnacco esce dalla band

Di seguito il comunicato stampa rilasciato dai Labyrinth:

Comunichiamo la sofferta decisione direttamente dalle parole di Sergio:

“Ho deciso di lasciare i Labyrinth perchè credo fermamente che un musicista rock si debba dedicare solo ad una band.
In questi anni sono stato impegnato su due fronti, Labyrinth e Vanexa, ma ora che entrambi i gruppi saranno parecchio attivi ho preferito fare una scelta ed essa è ricaduta sui Vanexa (la mia band dal 1979). I Labyrinth avranno molto da fare già dal mese prossimo e i Vanexa avranno l’uscita del nuovo album quindi onde evitare scelte sbagliate ho optato per il rimanere solo con una band.
Inoltre ho sempre pensato che il musicista impegnato in più formazioni sia un semplice musicante che non crede nelle proprie capacità, privo del senso di appartenenza e spesso oppurtunista.
Suonare in più gruppi significa non credere in se stessi e pensare di aumentare le proprie possibilità di carriera. Questi fattori sono molto lontani dall’ideologia rock, e il risultato sono band sterili e prive di personalità. La vera essenza del gruppo è fatta del musicista che ne appartiene, il musicista che dà il 100%, il musicista che impiega tutte le sue idee e le sue forze per ottenere un risultato.
Se ognuno si dedicasse solo ad una band ce ne sarebbero molte di meno ma più impegnate, competitive e professionali.
Ringrazio i Labyrinth per avermi dato la possibilità di condividere esperienze musicali ineguagliabili, ma ora ho deciso di seguirli solo come fan.
Suonare in due gruppi, giocare in due squadre o frequentare due partiti politici non fa per me, arrivo dagli anni 80 io.”

Labyrinth

Luca Balloriani

view all posts

Old School metaller, amante della birra, della birra e della b… della musica! Nato con il thrash ed evoluto (o regredito) al technical death e black; a rigor di logica, da anziano, mi ritroverò ad ascoltare il motopicco in cantiere. La mia vita si districa tra musica, informatica e fotografia/video editing a tempo perso.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login