Gwar: accusati di aver rubato le ceneri di Oderus Urungus

La notizia arriva direttamente da NBC News: William Brockie, il padre dello scomparso Oderus Urungus (all’anagrafe Dave Brockie), avrebbe intentato una causa contro i GWAR. Il motivo? Sembrerebbe che la nota band abbia rubato alcuni cimeli preziosi della famiglia Brockie, quali dipinti, alcuni strumenti musicali… e le ceneri del figlio! Quanto segue sono le dichiarazioni riportate nel fascicolo in mano al tribunale:

Subito dopo la morte di Dave Brockie, i restanti membri dei Gwar hanno intentato una serie di azioni al fine di sfruttare al meglio la morte dello stesso Dave.

La causa rivela anche che la band avrebbe disertato il pagamento della tenuta di proprietà della famiglia Brockie e prestata durante il corso del tour avvenuto tra febbraio e marzo 2014; inoltre, la band avrebbe rubato alcuni strumenti musicali, quadri e oggetti personali, incluso un disco d’oro.

Sempre secondo l’accusa, l’obiettivo era quello di speculare sull’immagine dello stesso Brockie e questo ingegnoso piano ad opera della band sarebbe scaturito il giorno dopo l’avvenuta scomparsa del cantante, quando ancora il manager presumibilmente avrebbe firmato alcune pubblicazioni tarocche che permettessero alla band di sfruttare il nome e l’immagine di Oderus per creare del nuovo merchandise.

Inoltre, sembrerebbe che prima di fare causa ai Gwar, il padre di Dave abbia cercato di re-impossessarsi degli oggetti del figlio, tra cui le ceneri, ma sia stato, purtroppo, respinto dagli uffici della Slave Pit Inc., ricevendo in compenso solo un piccolo sacchetto di plastica contentente una parziale parte delle ceneri; per giunta, la società a cui si fa riferimento avrebbe, secondo la denuncia, utilizzato impropriamente il fondo aperto in memoria del cantante e sfruttando la sua immagine a fini commerciali. Il risarcimento chiesto dallo stesso William Brockie ammonta ad un totale di oltre un milione di dollari.

Oderus-Urungus1

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login