Geoff Tate: “Frequency Unknown è stato remixato senza il mio permesso!”

E’ un Geoff Tate piuttosto critico quello che dai microfoni di Myglobalmind si è scagliato contro il remix di “Frequency Unknown”. L’album in questione fu registrato da Tate utilizzando il nome “Queensrÿche” prima che si risolvesse la battaglia legale con i suoi ex compagni.

Per quanto rigurda la decisione dell’ etichetta discografica dell’epoca (Deadline Music/Cleopatra Records) di rendere disponibili “nuovi e migliorati”  mixaggi di  “Frequency Unknown”Tate ha così commentato

“Frequency Unknown” è stato preso nel mezzo di quella facenda (esplicito riferimento alla causa in tribunale con i suoi ex compagni della band nda.) alla quale va aggiunta una casa discografica che ha fatto molte cose strane, come per esempio remixare l’album senza prima parlare con il sottoscritto per poi rimetterlo sul mercato. Questo genere di cose non mi erano mai capitate nella mia carriera. La casa disografica non mi ha mai detto “Pensiamo che si debba remixare l’album”, ma se lo avesse fatto probabilmente lo avremmo remixato a tempo debito e non mi è mai stato chiesto direttamente e non c’è stato mai il bisogno o la necessità di remixarlo. Semplicemente era quel che era. E ancora oggi non mi hanno mai chiamato per dirmi “Ehi! Abbiamo remixato il tuo album. Vuoi una copia?”

Secondo Geoff Tate non è la prima volta che un mixaggio fa discutere:

Alla fine che cos’è un mix? E’ qualcosa di ambiguo. E’ buono? Chi lo classifica come buono? Non riesco ad immagianare come mai molti album degli U2 abbiano dei mix orribili e nonostante tutto quelle canzoni siano amate e comprate dal pubblico. Cosa significa quindi? Per esempio 500.000 persone hanno comprato “The Warning” che aveva un mix orribile, e non era neache il mix che fece la band. Fu l’etichetta discografica a togliercelo letteralmente dalle mani perchè avevamo sforato il bugdet a nostra disposizione. La band ha odiato quel mix, ma alla fine era quel che era anche in quel caso.

Una polemica però fin troppo grande, secondo il cantante americano:

Remixare e rimasterizzare un album è solo una parte del processo che si fa quando si fanno gli album. Non è un gran problema, ma in genere non si fa in faccia al pubblico. Quello che è successo con “Frequency Unknown” lo possiamo considerare come qualcuno che ha voluto capitalizzare questa situazione, creando una polemica che non stava nè in cielo nè in terra.

 

geoff-tate-mohawk

Saverio Spadavecchia

view all posts

Capellone pentito (dicono tutti così) e giornalista in perenne bilico tra bilanci dissestati, musicisti megalomani e ruck da pulire con una certa urgenza. Nei ritagli di tempo “untore” black-metal @ Radio Sverso. Fanatico del 3-4-3 e vincitore di 27 Champions League con la Maceratese, Dovahkiin certificato e temibile pirata insieme a Guybrush Threepwood. Lode e gloria all’Ipnorospo.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login