Gene Simmons: le scuse dopo le frasi sulla morte di Prince

Non si placano le polemiche dopo le frasi di Gene Simmons sulla morte di Prince. Dopo aver commentato in maniera durissima la morte di Prince, il Demone dei Kiss fa – quasi – marcia indietro e  precisa quanto detto con un comunicato poi rilanciato attraverso il suo account twitter.

 

 

 

Nel comunicato Simmons spiega che è stata la su “bocca” a causargli nuovamente dei problemi, e questo perchè quando di parla di droga il Demone dei Kiss vede “rosso” e carica – per così dire – come un toro.

Divento furioso quando parlo di droghe, perchè nella mia esperienza le droghe sono sempre state presenti da quando faccio parte della scene rock. Nella mia esperienza e nella vita di chi amo le droghe non hanno fatto altro che rendere la vita più complicata a tutti. Sono stato cresciuto in un cultura dove i drogati erano descritti come perdernti, e crescendo questa visione non è cambiata con il passare del tempo. Non c’è bisogno di spiegare che mi sono espresso in maniera poco corretta, non mi sfilo dalla controversia ma le critiche arrabbiate non mi sfiorano affatto. Se pensassi di aver ragione mi farei una risata, ma questa volta no. Quindi le mie scuse
Un comunciato che segue di poche ore quello di un imbarazzato Paul Stanley, che ha definito il commento del suo “partner in crime” nei Kiss come un “freddo comunicato senza prove”. Ed ha proseguito sottolinenado che senza prove meglio non parlare. Un comunicato chiuso con le scuse.
gene simmons

Saverio Spadavecchia

view all posts

Capellone pentito (dicono tutti così) e giornalista in perenne bilico tra bilanci dissestati, musicisti megalomani e ruck da pulire con una certa urgenza. Nei ritagli di tempo “untore” black-metal @ Radio Sverso. Fanatico del 3-4-3 e vincitore di 27 Champions League con la Maceratese, Dovahkiin certificato e temibile pirata insieme a Guybrush Threepwood. Lode e gloria all’Ipnorospo.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login