Family Devotion Murder: il video ufficiale di “Banditismo”

Comunicato stampa:

E’ disponibile di seguito il video del brano “Banditismo”, singolo estratto da “Tentalces”, l’album di recente pubblicazione dei FAMILY DEVOTION MURDER, disponibile su Spotify e su tutte le piattaforme del settore via Ad Noctem records.
Le sessioni di registrazione si sono svolte presso i Dead Country Studio di Albignasego (PD) sotto la guida di Mattia Borille, al quale sono state affidate anche le fasi di mixing e mastering. Cover e artwork sono a cura di Valentina Cuccato.

I testi prendono spunto da fatti di cronaca nera realmente accaduti e dalle relative vicende giudiziarie che hanno scosso l’Italia tra gli anni 70 ad oggi.

Sono 10 le tracce della tracklist:

01. Virus (Intro), Dead Land
02. Mr Juncker Fuck Off
03. Back From The Pit
04. Banditismo
05. Cosa Nostra
06. Don Satan
07. World Decline
08. Feel My Blade
09. Padrino
10. Kraken
11. Warrior Satanico

Di seguito le parole di Baròn, mastermind, cantante e chitarrista della band:

Finalmente ci siamo! Davvero non vedevamo l’ora di farvi ascoltare il frutto del nostro lavoro. Mi ricordo che abbiamo cominciato le sessioni di registrazione in studio, poco dopo è arrivata è la pandemia e posso dire che non è stato facile. All’inizio abbiamo riscontrato delle difficoltà, ovviamente, ma con una buona dose di pazienza siamo riusciti ad incanalare la frustrazione dovuta a questo periodo e a trasformarla in ulteriore rabbia da riversare sul nostro sound, credo fermamente che lo si percepisca e siamo più che soddisfatti del risultato.
Soprattutto nel brano “Banditismo”: i governi ci hanno abituato a differenze sociali e confini da difendere, ma nulla di tutto questo è più lontano dalla realtà, le uniche frontiere da abbattere sono quelle di una politica ormai palesemente corrotta e classista, che non fa nulla per il popolo e non ne conosce i bisogni. Sono loro il vero straniero usurpatore.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login