Escuela Grind: il video del nuovo singolo “Forced Collective Introspection”

Comunicato stampa:

La band di metal estremo del New England ESCUELA GRIND pubblicherà il nuovo album “Memory Theater” il 30 settembre su MNRK Heavy. Prodotto da Kurt Ballou, il disco – il primo per MNRK Heavy (High On Fire, Crowbar) – contiene nove tracce di musica underground tagliente e rovente che infuria e fa tutto a pezzi in egual misura. “Memory Theater” è preordinabile qui: https://escuelagrind.ffm.to/memorytheater.

Gli ESCUELA GRIND hanno appena svelato il video del nuovo singolo “Forced Collective Introspection“. Diretto da Michael Jari Davidson (Alice In Chains), il video è un tributo al film di fantascienza del 1971, “L’uomo che fuggì dal futuro” (titolo originale: “THX 1138””, un’opera di commento sociologico ambientata in un mondo distopico dove l’individualità e l’amore sono proibiti.

Abbiamo nuovamente collaborato con il regista Michael Jari Davidson per creare il video di ‘Forced Collective Introspection“, afferma la vocalist degli ESCUELA GRIND Katerina Economou. “Il video fa riferimento al film antiautoritario del 1971 ‘L’uomo che fuggì dal futuro’: qui la band è tenuta in un vuoto bianco da guardie mascherate e ridotta a numeri. Sottoposta a vessazioni nelle celle della prigione, la band riesce a fuggire in stile ‘Le ali della libertà’. Il tema del video ricorre in tutta la nostra musica: dobbiamo resistere e cercare di sfuggire al loro controllo per riconquistare la nostra umanità“.

La musica può essere terrificante, ma lo spirito che anima gli ESCUELA GRIND è un messaggio di emancipazione. Mentre distrugge i confini musicali, il quartetto attacca l’idea di “gatekeeping” con altrettanta ferocia. Ogni volta che Katerina Economou, Jesse Fuentes (batteria), Kris Morash (chitarra) e Tom Sifuentes (basso) si riuniscono, si scatena un’apocalisse sonora. Gli ESCUELA GRIND danno vita a un nuovo mostro di hardcore metallico dai cadaveri putrefatti del grind e della power violence con esplosive percussioni e caos.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login