Deftones: si separano dal bassista di lunga data Sergio Vega

I DEFTONES si sono separati dal loro bassista di lunga data Sergio Vega.

Il musicista 51enne, entrato ufficialmente a far parte dei DEFTONES nel 2009, ha confermato la sua uscita martedì sera (8 marzo), pochi giorni dopo che una nuova foto della band senza di lui è emersa online su vari siti musicali.

In un videomessaggio pubblicato sul suo Instagram, Sergio ha detto: “Ciao a tutti. Spero che questo vi trovi bene. Non volevo dover fare un video su questo, ma dopo la recente foto della band pubblicata su Spotify dei DEFTONES sento la necessità di chiarire le cose. Non sono molto bravo in questo, quindi ho scritto una dichiarazione e ve la leggerò ora.

“Per raccontare una breve storia su di me e sulla mia amicizia con i DEFTONES. Ci siamo incontrati nel 1995. Ho sostituito il [defunto bassista dei DEFTONES] Chi [Cheng] — riposa in pace — nel 1999 e mi è stato chiesto di lavorare con la band dopo la sua tragedia nel 2009. A causa dell’amore che hanno per i QUICKSAND, mi è stato chiesto di portare loro lo stesso approccio di un cantautore e arrangiatore. Mi è stato anche detto che, in modo simile a Frank [Delgado, tastierista dei DEFTONES], sarei stato portato nel tempo a diventare un membro ufficiale.Ho lavorato con la band per 12 anni, e all’inizio di ogni ciclo di album chiedevo di diventare un membro ufficiale, ma il contratto sarebbe stato invece migliorato.

“Il COVID è stato un punto di rottura per molte persone e ho iniziato a mettere in discussione il mio posto nella band e il futuro che volevo per la mia carriera. Ho iniziato davvero ad aver bisogno di qualcosa di stabile, perché, a quel punto, il mio contratto con loro è stato cancellato.

Un giorno ho ricevuto una chiamata dai ragazzi per una situazione interna alla band, e mi hanno chiesto se ero solido e che sarei dovuto volare a Los Angeles per aiutare a risolvere subito la cosa. Ho detto, ovviamente che  ci stavo e che avremmo potuto gestire la mia situazione più tardi. Ma non potevo tornare al mio vecchio contratto”. Il nostro rispettivo management ha avuto una conversazione per discutere di un nuovo contratto e mi hanno offerto lo stesso accordo. A quel punto, era chiaro che non c’era possibilità di crescita per me, quindi ho rifiutato l’offerta. E poi ho chiamato immediatamente i ragazzi per vedere dove fosse l’errore di comunicazione per risolverlo ma non c’era risposta

Un paio di giorni dopo, ho ricevuto un’e-mail dal loro avvocato che la loro offerta era stata ritirata e che mi auguravano il meglio. Così ho lasciato la band all’inizio dell’anno scorso e da allora mi sono concentrato sulla mia band i QUICKSAND oltre a lavorare come produttore e scrittore per altri artisti e progetti. E lo sto menzionando perché c’era qualche speculazione sul fatto che io vendessi la mia attrezzatura e smettessi del tutto di ascoltare musica.

“Per rispetto per le persone che hanno tenuto i biglietti per questo tour negli ultimi due anni e per tutti coloro che supportano la band, ho ritenuto importante portare un po’ di chiarezza sulla situazione.

“Tanto affetto e grazie alla fantastica fan base dei DEFTONES per essere sempre stata impegnata e solidale con la band nei momenti belli e brutti. Apprezzo ognuno di voi. Tutto il mio amore per i fan che sono diventati amici, le persone che hanno supportato i miei altri progetti. Mi ha portato così tanta gioia vedere le magliette dei DEFTONES agli show dei QUICKSAND e ne farò tesoro per sempre.

“Infine, grazie mille ai ‘TONES. Vorrei che avessero la possibilità di dirvelo di persona. Voglio che voi sappiate che apprezzo tutti gli anni che abbiamo passato insieme, scrivendo, suonando, facendoci entrare nei vostri mondi. Io ho imparato molto da ognuno di voi. Quando mi avete coinvolto, avete creato un nuovo senso di passione per la musica che avrò sempre a cuore e porterò con me. Mi avete davvero cambiato la vita”.

Ricordiamo che i Deftones torneranno in italia per un’unica data live il prossimo 22 giugno (data riprogrammata dal 2021) al Sequoie Music Park, presso il parco delle Caserme Rosse di Bologna. 

 

eva.cociani

view all posts

Amo la musica a 360 gradi, non mi piace avere etichette addosso, le trovo limitanti e antiquate, prediligo lo street, il glam e anche il goth, ma non disdegno nulla basta che provochi emozioni. Ossessionata dalle serie tv, dalla fotografia, dai viaggi e dai live show mi identifico con il motto: “Live the life to the fullest”.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login