Chris Cornell: in uscita il 28 aprile “Total F*cking Godhead”- La biografia di Chris Cornell”

Comunicato stampa:

Figura chiave di un intero movimento, quel Seattle Sound che aveva anticipato già dal 1984 con i suoi Soundgarden, Chris Cornell ha incarnato gli alti e i bassi di una scena tormentata ma amatissima. L’inatteso epilogo della sua vita – costellata di successi professionali e cadute personali – ha disorientato fan, colleghi e addetti ai lavori, perché Cornell era percepito come una guida. Ancor più triste, il frontman stava vivendo un’insperata seconda giovinezza: dai riuniti Soundgarden del celebrato “King Animal” (2012) a una carriera solista appagante, fino all’imminente ritorno degli Audioslave; alla base un secondo matrimonio, che gli aveva donato altri due figli.

Sia dal punto di vista musicale sia da quello personale, l’acclamato ed esaustivo “Total F*cking Godhead” – firmato dal critico americano Corbin Reiff – rende bene l’idea di che fulmine a ciel sereno sia stata l’ascesa di Chris Cornell. A metà anni ’80, in un panorama hard rock a stelle e strisce diviso fra il thrash e l’hair metal, ecco arrivare i Soundgarden. Fu una boccata d’aria fresca. Sbrigativamente gettati dai media nel calderone del “metal moderno”, quando poi la gente si accorse del grunge, Chris aveva già iniziato ad abbinare alle urla stentoree – in stile Robert Plant – quel roco baritonale, caldo e consolatorio, che tanti avrebbe fatto commuovere nell’elegiaco progetto Temple of the Dog (1991) e come alito portante dei suoi testi, abbaglianti come falene nel buio.

Il resto è Storia con la S maiuscola, riguardo al rock: per l’ultima volta importante anche come fenomeno sociale e di costume. Dopo sappiamo cos’è successo: la morte di Kurt Cobain, il repentino cambio di scena, il Cornell in crisi dopo il boom di Superunknown (1994) e la fine dei primi Soundgarden. Poco è documentato di questa cesoia temporale in seno alla band e al vissuto di Chris, ed è uno dei motivi per cui del suo lato oscuro si sia sempre saputo poco e per i quali questo “Total Fucking Godhead” rappresenta una lettura imprescindibile.

Non solo: attraverso la prosa asciutta ma ricca di dettagli di Corbin Reiff, che scrive col trasporto del fan, possiamo contestualizzare e approfondire l’opera solista del frontman – poco sondata ma, a volte, foriera di picchi irraggiungibili – e riscoprire, rivalutandola, anche l’avvincente produzione degli Audioslave. Nel mezzo i Soundgarden, le amicizie, le collaborazioni artistiche e tante testimonianze esclusive di colleghi e addetti ai lavori, con il recupero analitico di decine d’interviste inedite in Italia e la limpida ricostruzione di uno scenario irripetibile: quello del rock anni ’90.

Etichetta: Il Castello




0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login