Arcana Edizioni: in uscita il libro “Tolkien Rocks”

Arcana Edizioni annuncia l’uscita del libro “Tolkien Rocks – Viaggio musicale nella Terra di Mezzo“, scritto da Fabrizio Giosué (pp. 142 – 16,00 euro).

Tolkien Rocks” ripercorre una consistente parte della storia del rock grazie ai testi ispirati alle opere dello scrittore inglese, raccontando vicende e segreti delle band che si ispirano, nei modi più diversi, ai luoghi o ai personaggi nati dalla penna di Tolkien, condendo la narrazione con curiosità e dichiarazioni degli artisti. La produzione di decine di formazioni musicali viene passata al setaccio: dai numi tutelari del rock e metal all’underground di qualità, sempre all’insegna del Professore. Il lettore troverà anche alcuni approfondimenti: “Saruman suona metal”, ovvero la carriera musicale dell’attore Christopher Lee, da poco scomparso, il quale, passati i novant’anni, ha pubblicato due dischi heavy metal dedicati a Carlo Magno; un’illuminante intervista a Giuseppe Festa, cantante dei Lingalad e apprezzato scrittore; infine, un’accurata descrizione di “Nightfall in Middle Earth” dei tedeschi Blind Guardian, capaci di realizzare un intero album ispirato a Il Silmarillion e vendere milioni di dischi.

Fabrizio Giosuè

Scrive di musica dal 1998, iniziando dalle fanzine per poi passare alle webzine. Nel novembre 2013 ha pubblicato “Folk Metal. Dalle Origini al Ragnarök” (Crac Edizioni), primo libro al mondo a trattare di folk/viking metal.

Qui sotto l’artwork di copertina del libro.

tolkien rocks

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login