Metallus.it

Mötley Crüe: Mick Mars “sono la persona più impopolare del pianeta”

Mick Mars, chitarrista dei Mötley Crüe, sostiene di avere molto da dimostrare con la sua carriera da solista, che inizierà il prossimo anno. Mars si sente come la persona più impopolare del pianeta, ma ha intenzione di ribaltare la situazione con la sua carriera solista una volta che i Mötley Crüe usciranno di scena col concerto di addio alla vigilia di Capodanno.
Le sue prime uscite dovrebbero essere un album ed un libro che si concentra sulla sua carriera.

Ai microfoni di Dave Ling di Classic Rock ha dichiarato:

Sarà un disco hard rock, ma è difficile da classificare. Non sarà un disco metal. Farà volare in aria i vostri capelli!

Per quanto riguarda il libro, non sarà nulla di simile a “The Dirt” (bestseller dei Crüe uscito nel 2001). Dopo trent’anni trascorsi a sentirmi soppresso, ho intenzione di portare a galla un sacco di merda!

Il chitarrista è convinto che nessuno della sua famiglia abbia letto il suo primo titolo, perché..

Quando ero malato, tutti, compresi i miei genitori, mi hanno abbandonato. Sto parlando dei miei fratelli – quando sono andato a chiedergli aiuto mi hanno detto di andare a farmi fottere. Non vedo i miei familiari da 11 o 12 anni, eccezion fatta per mio figlio.

Riguardo il suo rifarsi musicalmente, ha commentato:

Mi sento come se fossi la persona più impopolare del pianeta. Tutti mi dicono che non posso suonare la chitarra – voglio dimostrargli che posso.
Nessuno può suonare con Jeff Back. Nessuno può suonare come Jimi Handrix, anche se tantissime persone ci provano. Nessuno può suonare come me.

Circa i suoi problemi di salute [la spondilite anchilosante], ha aggiunto:

Non posso più guidare la mia auto, non posso più salire sulla mia moto. Non posso più giocare a golf. Non posso fare nulla. La musica è tutto quello che faccio. Sono stato spinto nel mondo della musica. E fino ad oggi non voglio rinunciare a niente.

Exit mobile version