Gudars Skymning – Recensione: Morka Vatten

Morka Vatten (che assonanza con porca vacca)!! Abbandoniamo subito il tono faceto e ritorniamo sui binari della ragione, precisando che, comunque, il commento ci sta, eccome!

E sì, perché i Gudars Skymning, dalla Svezia, si presentano con un album che, sin dalle prime note, fa sobbalzare sulla sedia. Riferimenti a Mountain in primis, ma anche Black Sabbath, primi Scorpions e Cream (soprattutto in alcuni riff), si sprecano in questo disco e si sprigionano devastanti dagli altoparlanti, dalla prima all’ultima traccia, costituite da tonnellate di godibilissimo heavy blues.

Certo, il cantato in svedese rende un po’ ostica questa scommessa (peraltro consumata dalle nostrane Blood Rock/Black Widow), ma il risultato, sbalorditivo com’è, non lascia dubbi e permette di apprezzare al massimo questo “piccolo gioiellino”, che non smette mai di saziare le orecchiel La varietà delle soluzioni e dei piccoli “trucchetti sonori”, ci ricorda, dunque, i migliori Cream, ma le atmosfere mutevoli, sporche e sognanti ripercorrono, come già detto, le strade battute dalle grandi band di rock anni (indiscutibilmente) ’70, risultando, però, nè scopiazzate nè troppo auto celebrative, ma genuine e sincere.

In ultimo, da segnalare la conclusiva “Never In My Life”, cover proprio di quei Mountain di cui tanto si sente l’ “ala protettrice”. A parte la barriera linguistica, dunque, album da consigliare senza esitazione a tutti quelli che dai seventies ancora non ci sono ancora usciti e a tutti quelli che vorrebbero ritornarci seduta stante.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Blood Rock Records/Black Widow

Anno: 2011

Tracklist:

01.  Jag Ar Trollkart
02.  Soderslantsblues
03.  Imuranans Kaftar
04.  Kallar-Tony
05.  Pengar
06.  Aldrig Har Jag Vetat
07.  Hyfs Och Fason
08.  Ialvens Svarta Djup
09.  Tri
10.  Never In My Life


Sito Web: www.myspace.com/gudarsskymning

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi