Misfits: secondo Only “non potrebbe esserci momento migliore” per un ritorno della band

I Misfits sono tornati e sono intenzionati a restare. Questa è l’impressione stando alle parole che Jerry Only ha rilasciato in un’intervista a Rolling Stones dopo il concerto di Denver dello scorso 2 settembre in cui la line-up originale della band composta dal frontman Glenn Danzig, dal chitarrista Doyle Wolfgang Von Frankenstein, con l’aggiunta di Dave Lombardo (ex Slayer) alla batteria e da Acey Slade (Joan Jett), è tornata a suonare insieme. Sembra essere più che un auspicio. Quasi una certezza.

Io voglio che continui, so che Doyle vuole lo stesso così come Glenn. E ci sono tantissime persone che vogliono che questa formazione continui a suonare insieme. E lo faremo, ovunque questo ci porterà. Ci dirigiamo a festeggiare il 40esimo anniversario della band e non potrebbe esserci momento migliore. Forse Doyle potrebbe scrivere un nuovo album, e anche Glenn o io potremmo scrivere un album solista. Ma allora perchè non uniamo le nostre forze e scriviamo il miglior disco mai prodotto? Col tempo abbiamo sperimentato nuove soluzioni, io ho suonato materiale Metal e poi abbiamo Dave in formazione. E Glenn ha fatto il suo percorso. E Acey si è inserito bene. Credo sia solo una questione di rimodulare e usare tutti i differenti elementi che abbiamo.

Insomma, i presupposti per un ritorno ci sono tutti, non ci resta che attendere nuovi e interessanti sviluppi.

Misfits

Pasquale Gennarelli

view all posts

"L'arte per amore dell'arte". La passione che brucia dentro il suo cuore ad animare la vita di questo fumetallaro. Come un moderno Ulisse è curioso e temerario, si muove tra le varie forme di comunicazione e non sfugge al confronto. Scrive di Metal, di Fumetto, di Arte, Cinema e Videogame. Ah, è inutile che la cerchiate, la Kryptonite non ha alcun effetto su di lui.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi