Metallica – Recensione: Master Of Puppets

L’Abc del thrash, la Treccani del metal, l’Alfa e l’Omega delle chitarre distorte. Questo disco se n’è sentite dire di cotte e di crude, ma pochi lavori hanno trovato un consenso così unanime nella comunità metallara. La contesa con ‘Reign In Blood’ per il miglior album thrash di sempre è ancora aperta e lo rimarrà in eterno: vista la differenza dei due lavori in questione, sono possibili solo comparazioni soggettive.

Master Of Puppets‘ è un inno alla quasi perfezione, non ci sono brani deboli e quelli che sono considerati filler da alcuni, ‘Leper Messiah’ su tutti, sono considerati capolavori da altri. Fra nuove citazioni a Lovecraft (‘The Thing That Should Not Be’), inni contro la droga o contro la guerra (la title-track o ‘Disposable Heroes’, forse la migliore canzone mai partorita da Hetfield & Co.) o di denuncia sociale (la stessa ‘Leper Messiah’), il terzo disco dei Metallica rappresenta sicuramente l’apice assoluto della loro carriera e scava un solco inarrivabile per la maggior parte dei gruppi satellite. La storia, inutile negarlo, passa di qui.

Etichetta: Universal

Anno: 1986

Tracklist:

01. Battery

02. Master Of Puppets

03. The Thing That Should Not Be

04. Welcome Home (Sanitarium)

05. Disposable Heroes

06. Leper Messiah

07. Orion

08. Damage, Inc.


1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. TMH

    uno dei dischi più importanti della storia… rispetto alla maggior parte delle persone, secondo me il filler è “the thing that should not be”, mentre “leper messiah” è una figata di canzone, parte piano per poi diventare devastante nel finale… voto: 10

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi