Metallus.it

Dark Age – Recensione: Live, So Far…

Tempo di DVD per i melodic deathsters Dark Age. Il five-piece di Amburgo festeggia il suo decimo compleanno pubblicando ‘Live, So Far..’ interessante testimonianza “on stage” con l’aggiunta di uno spassoso documentario che illustra la vita on the road dei nostri.

Il primo DVD è incentrato su una performance dal vivo che la band ha tenuto presso il Markthalle di Amburgo nel Settembre del 2005. Lo show vanta una buona qualità audio/video e i Dark Age offrono una performance davvero sentita, mostrandosi non solo degli ottimi esecutori ma soprattutto dei veri show-men, pronti a intrattenere e divertire un pubblico partecipe ma incredibilmente composto. Durante lo spettacolo la band snocciola i suoi principali successi, esplorando la propria discografia in maniera estensiva. Convincono in particolare la moderna ‘Fix The Focus’ (non scevra da alcune pennellate di metal-core), la rutilante ‘Storm’ e l’ottima ‘Trial By Fire’, un episodio sfaccettato e ricco di spunti melodici.

Registriamo la presenza di alcuni ospiti, tra cui Nachtgarm dei blacksters Negator (che duetta con il vocalist Eike Freese sull’anthemica ‘Suicide Crew’), oltre a membri di Paragon, Serpent Soul e Torment, compagni di tour (e di sbronze!) dei cinque di Amburgo. Il primo disco termina con un interessante contenuto bonus: il video clip della song ‘Zero’, registrata proprio durante il live al Markthalle, una scompisciante versione di ‘Suicide Crew’ in cui cinque pupazzi prendono il posto dei musicisti e infine lo spot dell’associazione animalista “Pfoten” (dove la musica dei Dark Age è in sottofondo), mai trasmesso a causa delle forti immagini che senza alcuna censura mostrano fin dove può arrivare la crudeltà dell’uomo.

Il secondo DVD è invece un documentario che ripercorre la storia del combo tedesco dal 1995 al 2005, soffermandosi in particolare sulla vita on the road. La qualità è del tutto amatoriale ma il divertimento è assicurato, perché qui la band si mostra “senza veli” e priva di ogni pudore. Tra burle cameratesche, sbronze, avvenenti fanciulle che mostrano le natiche e siparietti di comicità in stile Castellano e Pipolo, i Dark Age coinvolgono i compagni di tour (in particolare Cede Dupont, all’epoca ancora nelle fila dei Freedom Call) in un party infinito.

‘Live. So Far…’ non è forse un prodotto indispensabile, ma la grande energia profusa dalla band durante lo show e la “genuinità” del documentario successivo, lo rendono di sicuro interesse sia per i fan, sia per gli abituali fruitori di death melodico. A costoro, l’acquisto è caldamente consigliato.

Exit mobile version