Infected Rain+Volturian: Live Report della data di Milano

Una combo decisamente vincente targata Vertigo Hard Sounds quella del concerto del 14 settembre al Legend Club di Milano, che ha visto protagonisti gli Infected Rain, band alternative metal capitanata dalla grintosissima Elena “Lena Scissorhands” Cataraga, supportati dai Volturian, band melodic metal guidata dalla carismatica Federica Lanna e da Federico Mondelli, ideatore di moltissimi progetti sotto etichetta Scarlet Records come Frozen Crown, Be The Wolf, Nocturna e, ovviamente, Volturian.

VOLTURIAN

I primi a salire sul palco sono i musicisti della band  sulle note di “Rebirth”, intro tratta dal nuovo album intitolato “Red Dragon”, uscito a maggio 2022. La frontwoman Federica Lanna entra su “Stay”, attirando in primis l’occhio degli spettatori con il suo carisma e la sua mise in rosso. La setlist della band non comprende solo brani provenienti dall’ultimo album, ma anche pezzi tratti da “Crimson”, il primo album dei Volturian uscito nel 2020, come “The Killing Joke”, dove l’headnbanging è assicurato, e “Haunting Symphony”. La batteria di Andrea Zannin e le linee di basso di Massimiliano Rossi sono potenti e precise e sostengono appieno la voce melodiosa di Federica, supportata talvolta dai cori decisamente più “scuri” del chitarrista Federico. Il forte contrasto fra la voce soave della cantante e le ritmiche metal potenti, arricchite da una forte componente elettronica e un forte affiatamento fra i membri della band, rendono questo progetto interessante, non solo nei dischi ma anche live, ottenendo una risposta molto positiva da parte del pubblico del Legend Club. I Volturian chiudono in bellezza il loro opening act con “Torn Asunder”, lasciandoci sospesi in una vampiresca atmosfera.

Setlist:

Intro – Rebirth

Stay

Harley

Days Before You Died

Haunting Symphony

Burn It Up

Broken

The Killing Joke

Between the Sleepers

Torn Asunder

INFECTED RAIN

Gli spettatori sono già caldi, ma quando inizia “Pendulum” ed entra la frontwoman Elena Catarga, l’atmosfera diventa rovente. Gli Infected Rain sono stati fondati da Lena, assieme al chitarrista Vadim Ozhog nel lontano 2008 in Moldavia e hanno alle spalle moltissimi  live e ben cinque album, di cui l’ultimo uscito all’inizio di quest’anno, dal titolo “Ecdysis”, da cui vengono proposti alcuni brani della setlist, come “Fighter” e “Longing”. La line up comprende Vadim Ozhog e Serghei Babici alle chitarre, Eugen Voluta alla batteria e  Vladimir Babici al basso, e l’energia che portano all’interno del club con il loro hardcore metal è travolgente.

Lena è un animale da palco incredibile, non riesce a stare ferma un attimo e ha una presenza scenica disarmante. Con la sua voce potentissima passa dal growl al pulito con disinvoltura e scrolla  i suoi lunghi capelli arancioni continuamente, facendo headbanging assieme al pubblico e incitandolo continuamente a saltare e a “sudare” assieme alla band. Il pubblico non se lo fa ripetere due volte e rimane molto coinvolto e partecipativo dall’inizio alla fine dello show, mentre i musicisti si muovono da una parte all’altra del palco mantenendo una qualità della performance sia musicale che visiva davvero eccellente. La band non ha un attimo di respiro, la forza con cui suona è sempre ai massimi livelli e la voce di Lena non viene risparmiata un attimo per i primi dieci pezzi della band, suonati e cantati a fuoco fino all’ultimo secondo. In seguito ad una breve pausa dopo “Orphan Soul” gli Infected Rain salutano il Legend Club con “Fool The Gravity” e “Sweet Sweet Lies”, prosciugando definitivamente tutte le energie del pubblico che, come la band, non si risparmia nemmeno in chiusura alla performance.

Una serata decisamente riuscita che ha visto protagoniste due band molto diverse fra loro in un connubio davvero particolare fra l’atmosfera cupa e  intrigante dei Volturian e la grinta ribelle degli Infected Rain in due performance di livello indubbiamente alto.

Stetlist:

Pendulum

Mold

Black Gold

Longing

The Earth Mantra

The Realm of Chaos

Postmortem pt. 1

Passerby

Fighter

Orphan Soul

Fool the Gravity

Sweet sweet Lies



Anno: 2022


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login