Spock’s Beard – Recensione: Live

I paladini del new prog americano, ovvero i qui presenti Spock’s Beard, sono sicuramente fra le band con il maggior numero di testimonianze live presenti nella propria discografia e a coronamento di ciò ecco arrivare questo “Live”, fortunatamente nella sola versione DVD…vale a dire l’unico formato per cui ha un senso al giorno d’oggi realizzare un’opera live (a nostro sindacabile parere).

A differenza del precedente (e non memorabile) “Gluttons For Punishment” questo nuovo live è veramente convincente per la parte esecutiva (ma qui i dubbi ormai erano veramente pochi), per quella visiva (niente fuochi d’artificio, ma belle riprese incentrate sui musicisti) ed anche per quella audio (di livello assoluto); la scaletta è fisiologicamente incentrata sugli Spock’s Beard Mark II (cioè quelli che hanno realizzato gli ultimi tre album da studio dopo la dipartita di Neal Morse) con qualche bel tuffo in un passato che ha fatto storia tramite “In The Mouth Of Madness” o “Thoughts (Part II)”. Lo schieramento di tastiere dando un’occhiata al palco è impressionante perché oltre al “cabarettistico” Ryo Okumoto anche Dave Meros (basso) e Nick D’Virgilio danno il loro contributo ai tasti d’avorio; quest’ultimo poi è il vero protagonista di uno show esente da pecche…voce espressiva, accompagnamento alla chitarra e alle keys appunto insieme ad estemporanei ritorni dietro al drumkit come nella prima parte di “Crack The Big Sky”, in “Skeletons At The Feast” o nel “Drum Duel” insieme all’altrettanto sorprendente Jimmy Keegan (che groove) il quale si rivela essere personaggio bizzarro quando si lancia senza problemi in un body surfing d’annata. Alcuni passaggi basati soprattutto sulle dinamiche sono da enciclopedia e ci piace ricordare su tutte proprio “Crack The Big Sky”, lo strumentale “Return To Whatever” tratto dall’album solista di Alan Morse “Four O’Clock And Hysteria” ed il classico “Walking On The Wind”.

Un’ottima riconferma per una delle rock band più “inattaccabili” del panorama odierno che rimane tale anche dopo la visione di questo DVD da consigliare a tutti gli amanti della buona musica senza preclusioni di genere.

Voto recensore
8
Etichetta: Inside Out / Audioglobe

Anno: 2008

Tracklist: 01. Intro
02. On A Perfect Day
03. In The Mouth Of Madness
04. Crack The Big Sky
05. The Slow Crash Landing Man
06. Return To Whatever
07. Surfing Down The Avalanche
08. Thoughts (Part 2)
09. Drum Duel
10. Skeletons At The Feast
11. Walking On The Wind
12. Hereafter (Ryo Solo)

As Far As The Mind Can See:
13. Dreaming In The Age Of Answers
14. Here’s A Man
15. They Know We Know

Sito Web: http://www.myspace.com/spocksbeard

alberto.capettini

view all posts

Fan di rock pesante non esattamente di primo pelo, segue la scena sotto mentite spoglie (in realtà è un supereroe del sales department) dal lontano 1987; la quotidianità familiare e l’enogastronomia lo distraggono dalla sua dedizione quasi maniacale alla materia metal (dall’AOR al death). È uno dei “vecchi zii” della redazione ma l’entusiasmo rimane assolutamente immutato.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi