Faun – Recensione: Licht/Lichtbilder

Ogni tanto, nel marasma incontrollato di uscite musicale più o meno utili, ci sta bene quella sorpresa che ti riconcilia col mondo e con la musica (o col mondo della musica, se preferite): i Faun, qui al loro secondo album, rappresentanto l’esatta conferma di questa preziosa necessità.

Questo quintetto tedesco offre una proposta che si muove tra quella musica medievale e folk che va per la maggiore in Germania, si pensi al successo di formazioni come In Extremo, Subway To Sally o Schandmaul (e non è un caso che proprio con il produttore dei primi dischi di questi ultimi abbiano collaborato i Faun per il primo album), anche se in questo caso le componenti succitate vanno intese perlopiù nella primigenia accezione di queste band, spogliate quindi dell’ "elettrificazione" della loro proposta più recente.

Tra i nobili ascendenti di riferimento dei Faun potremmo inoltre riconoscere qua e là qualcosa dei Dead Can Dance di ‘Aion’, data la prevalenza del doppio cantato femminile di Lisa e Fiona (ma non mancano piacevoli eccezioni come ‘Isis’, ballata dal sapore quasi neo-folk cantata da Oliver) e anche qualcosa dei nostri Ataraxia, ed i cinque riescono inoltre nell’impresa, sempre rischiosa e spesso dai risultati disastrosi, di inserire e dosare dell’elettronica all’interno del proprio sound: per fortuna qui il risultato è convincente, come in ‘Egil Saga’, e anzi richiama qualcosa dell’interessante progetto Nebelhexe di Andrea Haugen.

Un’esperienza davvero degna di nota, che viene poi affiancata e complementata dal DVD ‘Lichtbilder’ (in vendita separatamente), che aggiunge al tutto la componente visiva, permettendo di apprezzare appieno e in tutti i suoi aspetti il coinvolgente spettacolo approntato dai nostri e la loro carica e vitalità sul palco. Oltre ai due concerti presenti, di cui vengono proposti alcuni estratti, vi sono inoltre alcuni video e una notevolissima e suggestiva sezione ‘unplugged’, davvero ben realizzata, nonchè interviste, foto ed extra assortiti.

Due opere gemelle dal valore prezioso: se siete amanti di queste sonorità, provate anche voi a farvi sorprendere dai Faun.

Voto recensore
8
Etichetta: Curzweyhl/Masterpiece

Anno: 2004

Tracklist: Licht

01.Prolog
02.Andro
03.Unda
04.Von Den Elben
05.Ne Aludj El
06.Deva
07.Punagra
08.Wind & Geige
09.Isis
10.Cernunnos
11.Egil Saga
12.Fort

Lichtbilder

01.Konzertmitschintte
-Fuertanz Festival 2004
-Wintertanzen Bad Kissingen 2003
02.Musikvideos
03.Faun Unplugged
04.Interviews
05.Bildergalerien
06.Das Label Curzweyhl
07.Impression

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi