Metallus.it

Necrodeath: “La creatura vista con Peso” – Intervista a Peso

I Necrodeath negli anni ottanta hanno rappresentato una fede. Nel lunghissimo tempo durante il quale la creatura ha dormito, nessuno li ha dimenticati. Sul finire dello scorso millennio, un incauto archeologo o un agente del caos, ha avuto il piglio di risvegliare l’entità, restituendole la parola. Il risveglio alle note di ‘The Creature’ non ha fatto prigionieri. ‘Mater Of All Evil’, ha riaffermato la supremazia del gruppo in ambito estremo. Dal giorno in cui gli amplificatori sono stati presi d’ assalto dal terzo album dei Necrodeath sono successe molte cose. DI queste e delle future ne abbiamo parlato con Peso, il motore dietro le pelli:

Possiamo fare un punto della situazione, dall’uscita di ‘Mater Of all Evil’ al Gods Of Metal per i Necrodeath?

E’ stato tutto un succedersi di grosse soddisfazioni dal momento in cui siamo ritornati in vita…anche se la cosa in sé è stata un po’ azzardata. Non hai idea della ruggine che si accumula in dieci anni. Pensa poi che io non componevo una nota dai tempi di ‘Above the Light’ dei Sadist e Claudio non aveva più sfiorato la vecchia glass/master. Abbiamo realizzato un album da paura e se questo può sembrare presuntuoso non posso farci nulla perché è ciò che penso. Sono orgoglioso della band, della nuova line up e dell’atmosfera che si respira in casa Necrodeath sia fra noi che fra tutte le persone che ci seguonod a vicino. Abbiamo dimostrato di essere uno di quei gruppi che è in grado di saper suonare anche dal vivo! Quante volte hai sentito bei dischi per rimanere deluso quando li senti riproposti su un palco? Tutte le date che abbiamo fatto sono andate bene, ricordo in particolare quella di Lecce, un entusiasmo incredibile! Certo, poi che grossi eventi quali No Mercy Festival e Gods Of Metal non li dimentichi, ma stiamo già pensando alle prossime mosse.”

Ci sono molti vostri fan che attendono la stampa su cd di ‘Fragments Of Insanity’, quanto dovranno attendere ancora?

Purtroppo non ho molte notizie al riguardo, in quanto i diritti di quel disco li perdemmo negli anni ottanta. So che la nostra casa discografica sta inseguendo quel master, per cui appena ne dovesse venire in possesso di sicuro non tarderà a ristampare il disco”.

Avete già le basi per il prossimo lavoro?

“Nel peridoo antecedente il Gods Of metal, Gladio ed io abbiamo composto diverse cose che sono state lasciate in stand by per concentrarci esclusivamente sulle date dal vivo. Ora ci siamo chiusi in sala prove e non ne usciremo fino ad Ottobre. Questo periodo ci sta dando l’opportunità di concentrarci sul nuovo materiale. Posso anticiparti che due brani sono in pratica pronti, si intitolano ‘Red As Blood’ e ‘Process Of Violation’

Da padrini di un determinato filone metal, come reputate oggi la scena italiana ed internazionale?

Penso che tutto si sia rivalutato rispetto ai nostri tempi, in particolare a livello di organizzazione. Tutto ciò che gira intorno alle band è molto più professionale e la facilità di incidere un disco è diventata enorme. Riguardo ai gruppi , che dirti? Ai nostri tempi c’era gente come Schizo, Bulldozer, Strana Officina, Sabotage, Steel Crown e così via… Gente che non scherzava affatto, ma come noi vittima dei tempi che stavamo vivendo e probabilmente della nazionalità di appartenenza. Oggi comunque ci sono grandi band: prendi ad esempio i Novembre che hanno appena terminato un tour di supporto a Kreator e Moonspell o gli Opera IX che saranno al Milwakee festival alla fine di Luglio, primo gruppo italiano a partecipare ad un evento così importante, al quale faranno seguire un breve tour in Messico. Sulla scena internazionale, beh… il mio punto di riferimento sono semrpe gli Stayer, come quindici anni fa …”

Necrodeath e il web…

Il web… Questo è uno dei nuovi aspetti del gruppo. Per Necrodeath lo cura Claudio insieme al nostro manager personale, Red. Mi piace molto il sito che gestiscono ed ultimamente è diventato veramente professionale. Fra le altre cose, da pochi giorni, ciccando su http://www.necrodeath.com è possibile vedere il nostro video di ‘The Creature’. Per quello che riguarda la rete in generale, la trovo una cosa utilissima, ci sta permettendo di avere contatti veramente per qualsiasi cosa ci possa servire. Un’altra cosa, complimenti anche a voi, vi ho visitati e diventerò un lettore assiduo.”

Quali sono i dischi che stai ascoltando di più in questo periodo?

Guarda, preferisco non fare nomi, ma ho preso proprio ultimamente due fregature colossali con dei dischi dei quali avevo letto fossero al fine del mondo. Fra le cose che mi stanno girando di più nello stereo oggi sicuramente Uprising degli Entombed e l’ultimo dei Destruction

Per concludere, Peso, un saluto ai navigatori di Metallus.it

Un grazie a tutti coloro che ci stanno supportando e stanno venendo ai nostri concerti. In particolare volevo salutare tutti quelli che al Gods Of Metal gridavano il nostro nome sotto la pioggia, siete grandissimi! Grazie ancora!”

Exit mobile version